I Teatri di Roma





Nell’antica Roma la struttura del teatro stabile tardò ad essere realizzata a causa dell’ostilità dell’aristocrazia senatoria che lo riconosceva come  mezzo di corruzione per i costumi dei giovani romani. Pertanto, fino alla metà del I secolo a. C., ogni volta, in occasione dei ludi scaenici, il “teatro” veniva realizzato in legno e smontato alla fine di ogni rappresentazione. Il Senato, inoltre,   attraverso un decreto,  aveva proibito di assistere seduti agli spettacoli perché  ciò sminuiva la virilità dei romani. Per questo, nel 154 a. C.,  M. Valerio Messalla e  C. Cassio Longino avviarono la costruzione di un teatro “permanente” che venne però fatto distruggere da P. Cornelio Nasica.

Fu solo un secolo dopo che, Pompeo, dopo il ritorno dalle guerre in Oriente e al culmine del suo potere, decise di costruirne uno con lo stratagemma di innalzare un tempio sulla sommità della cavea. Venne così realizzato il primo esempio di quello che sarà il teatro romano, dove la cavea e l’edificio scenico risulteranno perfettamente integrati. Decenni dopo furono inaugurati, a Roma, altri due teatri di dimensioni nettamente inferiori a quello costruito da Pompeo: il Teatro Balbo e il Teatro di Marcello.

 






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.