Obelisco della Minerva in Piazza della Minerva





L’obelisco della Minerva, in granito rosso, alto 5,47 metri, proviene da Sais una città sul delta del Nilo. Venne eretto dal faraone Aprie, nel tempio di Neith, insieme ad un monolito gemello che attualmente si trova ad Urbino.
Solo la cuspide dell’obelisco non ha decorazione al contrario dei lati che portano una colonna di iscrizioni.

Entrambi gli obelischi vennero portati a Roma per ornare l’Iseo. Crollati in epoca imprecisata i frammenti di uno di essi furono ritrovati nel XIV secolo, mentre l’obelisco della Minerva venne ritrovato accidentalmente nel 1655, durante il pontificato di Alessandro VII, durante lo scavo delle fondazioni del muro intorno la Chiesa di S. Maria sopra Minerva. Si decise allora di posizionare l’obelisco di fronte la stessa Chiesa.

Molti furono i progetti per la realizzazione di un basamento per il monolito, alla fine, il Bernini decise di collocarlo sopra la statua di un elefante, dalla cui sella pendeva un pettorale sul quale era scritto un motto che alludeva alla stima che si aveva per gli elefanti, considerati simbolo di forza fin dall’antichità.

Sul basamento invece vennero riportate delle iscrizioni.




 

 

[flickr_set id=”72157632091650007″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.