Obelisco Agonale o Pamphilius in Piazza Navona





 

L’obelisco Agonale, in granito rosso, alto 16,54 metri era stato estratto dalle cave di Aswan per ordine dell’imperatore Domiziano, probabilmente,  in relazione alla ricostruzione, effettuata a Roma, del Santuario di Iside. L’imperatore fece incidere il suo nome sul fusto del monolito in caratteri geroglifici e vi si fece inoltre rappresentare tra due divinità, tra cui, la dea Hathor che gli offriva la doppia corona. Simbolica allusione all’eredità dell’impero che aveva ricevuto, alla morte del fratello Tito, nell’81 d.C.
L’obelisco che si erge in Piazza Navona è parte della composizione architettonica della Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini. Il luogo scelto dal Papa per la realizzazione della stessa è una porzione del Campo Marzio. Anticamente la piazza era uno stadio: lo stadio di Domiziano (81-96 d.C.). L’imperatore lo fece costruire nell’86 d.C. per le gare ginniche ed era in grado di contenere almeno 30.000 spettatori.
Piazza Navona è quindi nata sulla pista del monumento e ha conservato fedelmente la forma rettangolare allungata con i lati corti ricurvi.
L’obelisco, prima di arrivare all’attuale collocazione, si trovava nell’Iseo, poi, Massenzio lo fece trasferire nel circo che aveva costruito a memoria del figlio Romolo, divinizzato, morto nel 310, lungo la Via Appia.
Nel Medioevo l’obelisco crollò in data imprecisata, Sisto V non si preoccupò di recuperarlo cosa che invece fece Innocenzo X che decise di collocarlo a Piazza Navona dove aveva la sua residenza e che provvide anche alla monumentalizzazione dell’area.
Il Bernini ottenne il progetto per collocare intorno al monolito una fontana che celebrasse il casato dei Pamphilj. Nel 1648 l’obelisco fu trasportato nella piazza e nel 1651 la fontana fu pronta. Sulla cima dello stesso pose una colomba di 1,78 metri, emblema araldico della famiglia del papa. Sulla base incise delle iscrizioni che si riferivano all’erezione e al significato simbolico della Fontana dei Quattro Fiumi.
L’obelisco Agonale diventò una sorta di emblema del trionfo della Chiesa sul mondo pagano attraverso il quale l’essenza divina si propaga ai quattro continenti personificati dai quattro uomini colossali.

 

 




[flickr_set id=”72157632091682345″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.