Albano Laziale – Convegno per le Foibe organizzato da Mega Magazine





Martedì 3 Febbraio alle ore 18:00, presso il Museo Diocesano di Albano Laziale (Via Alcide De Gasperi, 37), la testata giornalistica on-line Meta Magazine, in collaborazione con l’Associazione per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio e la Società di Studi Fiumani, organizza un convegno di approfondimento storico-culturale sulle vicende del confine orientale d’Italia, dall’inizio del Novecento sino al secondo dopoguerra. “Giorno del Ricordo – dall’irredentismo al dramma delle Foibe: il racconto dell’esodo degli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia a 100 anni dall’entrata dell’Italia nella Grande Guerra (1915/18)”, questo il titolo dell’evento che vuole onorare il dettato della legge del 2004 che ha istituito, per il 10 Febbraio, il Giorno del Ricordo in memoria degli esuli e delle vittime delle Foibe.

In qualità di relatori interverranno: l’On. Roberto Menia, primo firmatario e promotore della legge parlamentare sul Giorno del Ricordo, il Dott. Marino Micich, Presidente dell’Associazione per la Cultura Istriana, Fiumana e Dalmata nel Lazio, il Dott. Roberto Libera, Direttore del Museo Diocesano di Albano Laziale, ed il Sig. Claudio Smareglia, che porterà la sua testimonianza in qualità di esule. Il dibattito sarà moderato da Morena Mancinelli ed Andrea Titti, rispettivamente Direttore Responsabile e Direttore Editoriale di Meta Magazine. Porterà il saluto istituzionale della Città di Albano Laziale il Sindaco Dott. Nicola Marini.

“Chi non ha memoria non ha futuro – dichiara il Direttore Editoriale di Meta Magazine Andrea Tittie consolidare una memoria collettiva condivisa non è semplice rievocazione ma identità. La Repubblica Italiana con la legge sul Giorno del Ricordo ha inteso ricucire questa pagina strappata dal libro della nostra identità nazionale: a tutti coloro che hanno a cuore il valore ed il senso dell’unità nazionale sta il compito di far vivere lo spirito della legge tra le persone, parlando soprattutto ai giovani. Per questo – conclude Titti – ci appelleremo agli enti locali affinchè si attivino nelle scuole progetti e momenti di approfondimento su questi temi”.






Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.