Il Monte Testaccio





 

Il “Monte di Coccio” (Mons Testaceus-Monte Testaccio), si trova a Roma, incluso tra le mura aureliane e il fiume Tevere, nei pressi della Piramide Cestia. Lo stesso si innalza di circa 35 metri sulla pianura circostante, ha un perimetro, approssimativamente triangolare, di poco inferiore ad 1 Km e copre una superficie totale di circa 20000mq.

Le anfore, di forma quasi sferica, che hanno contribuito a creare, in epoca romana, questo monte, provenivano, piene d’olio, principalmente dall’ Hispania Baetica (odierna Andalusia) e in piccola parte dalla Byzacena (odierna Tunisia). I carichi venivano sistematicamente sbarcati nel vicino porto fluviale dell’Emporium  di Roma ed erano destinate alla vendita, ma per il loro contenuto le anfore non potevano più essere riutilizzate.

La formazione del Monte di Coccio o Testaccio si deve all’accumulo di numerosi strati di cocci che venivano disposti ordinatamente uno sull’altro e che periodicamente venivano ricoperti da calce viva, ciò per sanificare la decomposizione che si andava formando nelle anfore rotte a causa dei resti organici rimasti sulla loro superficie.




Le anfore studiate dagli scavi sono quelle che si trovavano nello strato più superficiale e sono databili tra la metà del II secolo e del III secolo d.C. ed essendo per lo più dotate di indicazioni impresse sul corpo e sulle anse (il nome dell’esportatore, il marchio di fabbrica, la data consolare, le officine di fabbricazione ecc.) costituiscono una specie di archivio della storia commerciale ed economica di Roma e delle sue Province.

Sul Monte sale oggi  una stradina  che presumibilmente ripete quella che in antico era percorsa dai carri che vi salivano per accatastare i cocci delle anfore.

Ma la memoria del Monte di Coccio e della  zona circostante oltre ad essere legata alle anfore è legata innanzitutto alle feste del Carnevale, il Ludus Testaccie,  documentato per la prima volta nel 1256, durante il pontificato di Alessandro IV, fu ripetuto ogni anno fino al 1470. I giochi che vi si svolgevano erano molto animati e violenti: varie specie di animali quali: maiali, tori, e cinghiali, venivano lanciati vivi giù dal Monte dove, i lusores, dopo averli trafitti con la spada se li contendevano per venirne in possesso.

Nel 1600, il Monte di Coccio insieme al quartiere di  Testaccio, cambiarono aspetto proprio nel momento in cui, Pietro Ottini e Domenico Coppitelli, acquistarono un terreno limitrofo al Monte per aprirvi i “grottini” destinati alle osterie e che via via aumentarono di numero; oggi gli stessi hanno lasciato il posto a svariati ristoranti e a locali notturni.

Durante la seconda guerra mondiale vi fu anche installata un’intera batteria antiaerea smantellata alla fine del conflitto, ancora oggi sono visibili i resti di quattro piattaforme per i cannoni antiaerei.

 

[flickr_set id=”72157632094852591″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.