L’Acquasantiera di S. Paolo fuori le Mura





L’acqua santa, elemento fondamentale nella liturgia cristiana, è necessaria per completare un particolare rito che rientra in una delle sei classi in cui i teologi dividono i sacramenti.

Uno di questi riti viene compiuto da ogni cristiano quando entra in una chiesa bagnando la propria mano destra in un’acquasantiera che abitualmente è posta su uno dei lati interni del portale e si segna con la croce.

Questo gesto che viene compiuto quasi per automatismo, in realtà, è la conseguenza di una reciproca regola liturgica che si è consolidata con la creazione di una struttura architettonica che a volte è di una estrema semplicità ma che in alcuni casi rappresenta una vera e propria opera d’arte monumentale, parliamo dell’acquasantiera.

Fra le tante acquasantiere una che suscita particolare curiosità è quella posta nel transetto destro della immensa Basilica di San Paolo fuori le Mura. Fu scolpita, nel 1860, da Pietro Galli per la duchessa di Bauffremont che la donò a Pio IX, il cui stemma domina il grande catino sorretto da una raffinata colonnina. Sulla base dell’acquasantiera, è ben visibile la scultura riproducente Satana, inginocchiato, quasi prostrato, che cerca di nascondere il viso con la mano sinistra; la figura del demone,  identificabile dalle corna, dalla coda e dalle ali di pipistrello, cerca di insidiare un bambino che si protegge (dal male) toccando con la piccola mano l’acqua benedetta.




Se si esclude la semplice iconografia demoniaca che troviamo in alcuni mosaici medievali e quella drammatica che ne diede Michelangelo nel suo Giudizio Universale della Cappella Sistina è, in ogni caso, raro trovare il demonio riprodotto nei dipinti delle chiese romane. La particolare acquasantiera che tutti possiamo ammirare nella Basilica di S. Paolo, sembra sottolineare l’avversione che il diavolo ha per l’acquasanta; ne è dimostrazione la posizione assunta dallo stesso Satana sotto il catino dell’acquasantiera quasi che voglia evidenziare che lo stesso è condannato a sostenere  proprio l’elemento che serve ad allontanarlo.

 

[flickr_set id=”72157632093754991″]



Informazioni su Samantha Lombardi 319 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.