Recuperati dai carabinieri del comando tutela patrimonio artistico 12 dipinti ad olio trafugati da due chiese austriache





 

I militari del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, nel corso di un’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Ferrara, Sost. Proc. Dott.ssa Castaldini,  finalizzata alla repressione di un traffico di beni d’arte trafugati, dopo complesse attività tecnico-investigative, recuperavano 12 dipinti ad olio su tavola a fondo oro del XV Sec., raffiguranti soggetti religiosi, parti di polittici smembrati nel corso di due distinti eventi criminosi, ed individuati nelle disponibilità di alcuni collezionisti.

In particolare, le indagini venivano sviluppate negli ambienti della mediazione d’arte e si proiettavano nella definizione di un circuito operante nel mercato clandestino di beni artistici. Nel corso delle attività emergevano le fotografie di alcuni dei dittici successivamente rinvenuti: le scene raffigurate facevano immediatamente intuire che la produzione artistica, di eccellente fattura, potesse essere esterna all’Italia, ed in particolare mitteleuropea.  L’immediato controllo effettuato dagli esperti della Sezione Elaborazione Dati del TPC, facevano emergere che le opere erano censite nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti in quanto riconducibili a due furti avvenuti nel 1987 nelle chiese di Bad St. Lehonard – Carinzia (Austria) e di  Hallstatt (Austria).

Al momento dell’azione degli investigatori, le opere erano già pronte per essere cedute all’estero: la prontezza dell’intervento consentiva, così, di poterle salvare prima che fossero collocate sulle rotte del traffico internazionale.




La ricostruzione investigativa, che al momento ha già consentito di deferire in stato di libertà due soggetti per il reato di ricettazione, è ancora suscettibile di ulteriori evoluzioni.

Il furto delle opere, originariamente parti integranti di due pale d’altare realizzate dai maestri SCWAIGER Lorenz e MELCHIOR, oltre ad arrecare un grave danno al patrimonio storico artistico austriaco, rappresentò un grave nocumento alla sensibilità religiosa delle comunità locali.

Alcune delle opere di pregevolissimo interesse storico e artistico, ed in particolare quelle trafugate ad Halstatt, a partire dal 23 marzo p.v. verranno esposte a Milano, presso il Palazzo Reale, nell’ambito della Mostra “I Santi d’Italia”. Al termine dell’allestimento, le tavole saranno restituite all’Austria.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.