Obelisco Vaticano





 

L’obelisco più importante di Roma è quello che si erge in Piazza San Pietro: in granito rosso è alto 25,37 metri, di origine incerte, è anepigrafo. Si ipotizza, che alcuni obelischi non scolpiti, avevano il solo ruolo di oggetti di culto nei Templi di Ra ad Heliopolis.
Nel 30 a.C., dopo la conquista dell’Egitto da parte di Augusto, fu fatto trasportare ad Alessandria e fu innalzato nel Foro Giulio. Nel 37 d.C., Caligola fece demolire il foro e, l’obelisco fu trasferito a Roma nel suo circo al Vaticano e lì eretto. Sulla sua base venne posta un’iscrizione che celebrava Augusto e Tiberio e che si riallacciava agli antichi Egizi.

Nel 64 d.C. il circo era ancora in uso, perché vi si consumò il massaco dei Cristiani ordinato da Nerone e il martirio di San Pietro. Il circo Vaticano, comunque, rallentò pian piano il suo uso, tanto che, alcune tombe della Necropoli Vaticana arrivarono vicino alla spina dove era un tempo l’obelisco.
A differenza di tutti gli altri obelischi di Roma, il monolito Vaticano, sopravvisse ai secoli difficili rimanendo sempre al suo posto.
Fu durante il pontificato di Niccolò V (1447-55) che l’obelisco cominciò ad essere rivalutato, ma fu Sisto V, eletto nel 1585, che concretizzò lo spostamento dello stesso. Fra i tanti progetti, realizzati dagli architetti per rinnalzare l’obelisco, il papa scelse quello del Fontana.
Dopo mesi di lavoro febbrile e sforzi immani l’obelisco fu issato al centro della Piazza di San Pietro. Due iscrizioni commemorative, realizzate nei lati N/S, ricordavano che l’obelisco, dedicato dagli antichi ai culti pagani, ora veniva dedicato da Sisto V “alla Croce Invitta”.
Nonostante i grandi sforzi il monolito non risultò in asse con la facciata della Chiesa ma spostato di 4 metri; l’errore era dovuto al fatto che non si era ancora costruita la nuova facciata di San Pietro che verrà eseguita sotto Paolo V Borghese.
Nel 1817 ai piedi dell’obelisco fu disegnata una meridiana e una rosa dei venti, a questo punto l’obelisco di Piazza San Pietro divenne lo gnomone della meridiana più grande del mondo.

 




 

[flickr_set id=”72157632096265024″]



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.