Obelisco Aureliano o di Antinoo alla Passeggiata del Pincio





 

L’obelisco, in granito rosso e alto 9,25 metri, dopo essere stato eretto in varie proprietà (da casa Barberini al Cortile della Pigna) venne posizionato sul Pincio, nel 1822, per volere di Papa Pio VII, dall’architetto Marini.
Venne dedicato da Adriano al giovane amico Antinoo annegato nel Nilo. Diversamente da tutti gli altri obelischi venne estratto quando l’Egitto era già una provincia Romana, fu trasportato a Roma sotto Adriano e da questi eretto come stele funebre.
I geroglifici vennero copiati dai monoliti dell’ Iseo a Roma e intagliati dagli artigiani locali per cui le lettere, come possiamo vedere, risultano incerte.
Nel III secolo, Eliogabalo spostò l’obelisco nel Circo Variano dove ne costituì la spina. Crollò nel Medioevo ma non fu dimenticato. La prima volta fu descritto nel 1525 da Antonio da Sangallo che accompagnò il disegno con il riferimento topografico.
Nel 1570 i proprietari dell’area del circo iniziarono gli scavi recuperando tre frammenti dell’obelisco che misuravano ognuno circa tre metri.

 

 




[flickr_set id=”72157632096195032″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.