Festa del papà: le origini e le curiosità di questa festività


Festa del papà: le origini e le curiosità di questa festività




La festa del papà è una ricorrenza che celebra i padri e la paternità in generale. In Italia, come in altri paesi cattolici quali la Spagna e il Portogallo, la festività ricorre il 19 marzo, giorno in cui si commemora la celebrazione di San Giuseppe, padre putativo di Gesù, ma anche protettore degli orfani, delle giovani nubili e degli sfortunati. In alcune aree della Sicilia, infatti, in questo giorno, è consuetudine invitare le persone meno abbienti a pranzo.

Da dove nasce la festa del papà

La nascita di questa festività risale probabilmente agli inizi del XX secolo e più precisamente al 5 luglio del 1908 giorno in cui in una chiesa di Fairmont nella Virginia Occidentale si sarebbe celebrato per la prima volta la figura paterna. Sempre dagli Stati Uniti il 19 giugno 1910 a Spokane nello stato di Washington la signora Sonora Smart Dodd organizzò una festa per commemorare l’anziano padre veterano della guerra di secessione, cercando anche di ufficializzare questa festività: infatti la ricorrenza dei festeggiamenti del papà in quasi tutto il continente americano, ma anche in altri stati come la Francia, i Paesi Bassi, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, la Grecia, il Regno Unito,molti Paesi dell’Africa, il Giappone, la Cina, il Singapore e le Filippine cade la terza domenica di giugno.

In altre nazioni questa festività viene celebrata con significati e in giorni differenti come, per esempio, in Russia dove la festa è associata a quella dei Difensori della Patria commemorata il 23 febbraio, in Thailandia, invece, il 5 dicembre viene festeggiata la nascita del sovrano Rama XI,morto nel 2016 e ritenuto il padre di tutta la nazione. Tornando al nostro Paese questa festività viene di solito accolta gioiosamente dai bambini che preparano solitamente dei regalini realizzati da loro da offrire al proprio genitore anche se va molto di moda il regalo hi tech. Si celebra anche con un dolcetto tipico di questo giorno, la zeppola di San Giuseppe.

Da dove arriva il dolcetto?

Alla base di questo dolce fritto è, verosimilmente, la storia descritta nel Nuovo Testamento in cui si
narra come San Giuseppe, per mantenere la propria famiglia durante la fuga dall’Egitto, oltre al lavoro
di falegname, cominciò a vendere per strade queste frittelle. Un’altra tradizione fa risalire, invece, questi
dolcetti alle Liberalia, cerimonie dell’antica Roma che cadevano il 17 marzo in cui si celebravano Bacco e
Sileno con banchetti e bagordi dove erano immancabili un tipo di frittelle molto simile alle odierne
zeppole.




Un’altra tradizione legata alla festa del papà è quella dei falò: dato che questa ricorrenza cadeva verso
la fine di marzo e quindi in concomitanza con la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, era
consuetudine bruciare i resti dei raccolti in enormi pire accese nelle piazze, tradizione che sopravvive
tuttora in alcuni paesi. Qualunque sia la nascita e la tradizione di questa celebrazione resta comunque
un modo per festeggiare i propri genitori, sempre troppo indaffarati in questa frenetica vita per
fermarsi qualche momento a godere delle piccole gioie e offre, invece, ai figli una possibilità di
dimostrare ai propri padri l’ apprezzamento, l’amore e la gratitudine che si prova per loro.

In questo giorno, quindi, i figli di qualsiasi età, e non solo i bambini, dovrebbero avere il piacere di stare
con i loro padri regalando loro anche un semplice abbraccio. Quindi siamo pronti per festeggiare i
nostri amati e cari papà?



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.