Pompei, il blu


pompei




Plinio il Vecchio chiama caeruleum tutti i pigmenti blu minerali, sia naturali che artificiali; quelli naturali sono estratti soprattutto dalle miniere aurifere e argentifere. Tra questi si possono distinguere il caeruleum armenium, proveniente dall’Armenia, che potrebbe corrispondere all’azzurrite o ad altri minerali cupriferi; il caeruleum aegyptium o “blu egizio”, antichissimo composto di miscele di sabbia e minerali quali azzurrite o malachite provenienti dal Sinai; il caeruleum scythicum, il più pregiato dopo quello aegyptium, corrispondente al lapislazzuli delle miniere del Firgamu, nell’odierno Afghanistan; il caeruleum puteolanum potrebbe essere lapislazzuli disponibile sui mercati dell’area vesuviana o, forse meglio, il blu Egiziano prodotto a Pozzuoli; il caeruleum cyprium è azzurrite della migliore qualità, proveniente dalle miniere di rame dell’isola di Cipro; infine, il caeruleum hispaniense, probabilmente affine al puteolanum.

Fonte: pagina Facebook Pompeii-Parco Archeologico

var url210433 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1153&evid=210433”;
var snippet210433 = httpGetSync(url210433);
document.write(snippet210433);





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.