Eugen Gomringer a Museion per le conferenze artiparlando


Eugen Gomringer




Ospite d’eccezione a Museion: giovedì 30 gennaio prossimo alle ore 20 il poeta e critico svizzero Eugen Gomringer interviene nell’ambito del ciclo di conferenze “artiparlando”. Nato a Cachuela Esperanza, Bolivia, nel 1925, Gomringer è considerato il “padre” della Poesia concreta in lingua tedesca: un modello visivo di poesia, che elimina la sintassi e sposta l’attenzione dal significato del testo ai suoi elementi costitutivi, come la dimensione tipografica di sillabe, parole, fonemi e lettere alfabetiche. A colloquio con Andreas Hapkemeyer (Museion), l’artista parlerà della sua esperienza e della vicinanza della Poesia concreta con l’arte, il design e la pubblicità.

In quello che è ritenuto il manifesto della Poesia concreta

In quello che è ritenuto il manifesto della Poesia concreta «Dal verso alla costellazione. Scopo e forma di una nuova poesia» (vom vers zur konstellation. zweck und form einer neuen dichtung) pubblicato per la prima volta nel 1954, Gomringer afferma infatti la necessità di una nuova forma di poesia, al passo con i mezzi di comunicazione di massa e le nuove tecnologie.
Già negli anni ’50 si affermava infatti una comunicazione caratterizzata dalla velocità e dominata, anche sul piano visivo, da parole chiave e titoli di giornale. Una pregnanza e incisività che doveva rispecchiarsi nella nuova poesia, coinvolgendo anche la sua dimensione visiva. Nasce così una poesia in cui la sintassi è eliminata, le parole limitate e gli effetti tipografici del testo sono esaltati, ad esempio utilizzando le minuscole. Rifacendosi al poeta francese Mallarmè (1842-1898), Gomringer parla quindi di “costellazioni” intese come ordinamento di parole, campi di forze ludico, spazi di visione e pensiero.

L’appuntamento con Eugen Gomringer è parte del ciclo “artiparlando: nuove scritture”, dedicato alla poesia visuale, tema che attraversa diverse mostre e progetti di Museion. Le opere di Eugen Gomringer sono inoltre visibili fino al 7 giugno 2020, nella mostra “Intermedia” dedicata all’Archivio di Nuova Scrittura, la collezione di Paolo Della Grazia sulle ricerche tra parola e immagine.




Come ogni giovedì, Museion è aperto fino alle ore 22, con ingresso gratuito dalle ore 18.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.