Roma – Presentata all’Ara Pacis “Descriptio Romae”





La Roma dell’Ottocento non ha più segreti e le sue strade,  i suoi vicoli, i suoi palazzi si rivelano oggi, con un clic, così come si presentavano alla vigilia della imponente trasformazione urbanistica intrapresa, a partire dal 1870, dalla neonata Capitale d’Italia.

Una grande mappa interattiva promossa dall’Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo e realizzata dai tecnici della Sovrintendenza Capitolina in collaborazione con l’università Roma Tre, l’Archivio Storico Capitolino, l’Archivio di Stato e l’Istituto Centrale per la Grafica è stata presentata nel corso di un convegno all’Ara Pacis. 

“Descriptio Romae”, questo il nome della nuova piattaforma informatica, costituisce un formidabile strumento di conoscenza storico-urbanistica, un corpus di conoscenze aperto a chiunque e totalmente gratuito. Il sistema, operativo da oggi sul web all’indirizzo www.dipsuwebgis.uniroma3.it,  rimarrà on line su base sperimentale per un breve periodo di tempo finalizzato a una calibratura in linea con la risposta dell’utenza interessata che include studenti, urbanisti, architetti, storici così come anche semplici appassionati di cose romane.

Base del progetto è il Catasto Gregoriano, voluto da Pio VII nel 1816 e compiuto sotto Gregorio XVI nel 1835: la prima mappatura sistematica della città, dei suoi spazi, dei suoi edifici. 90 tavole ad acquerello, di valore artistico oltre che documentale, con oltre 15mila particelle. Ad ogni particella è stata collegata la massa dei documenti – finora mai sistematizzati – relativi a tutte le aree allora censite: atti di proprietà, cessioni e acquisti, lavori, eredità. Ne deriva un racconto capillare e ordinato della Roma del periodo e della sua trasformazione: la Roma che per la prima volta, terminata l’avventura napoleonica (e in qualche modo ereditandone lo spirito razionale e modernizzatore) si auto-esplora e prova a darsi un ordine. Fissando ad esempio, una volta per tutte, i nomi di vie e piazze, gli stessi nomi che compongono l’attuale toponomastica.




Il progetto affonda le sue radici nel 1995, anno in cui la Sovrintendenza Capitolina aveva da poco iniziato l’imponente lavoro di informatizzazione dei dati relativi al censimento dei beni Storici, Archeologici, Monumentali e Paesistici presenti nel territorio di Roma, centro Storico e Suburbio. La mole dei dati “cartacei” (schede, fotografie, disegni, pagine di bibliografia) era enorme. Si decise per la creazione di un sistema geografico informatizzato, GIS (si era agli inizi della tecnologia, almeno in campo umanistico) di tutto il territorio Comunale. Avviato da Eugenio La Rocca, il progetto, che fu denominato “Forma Romae” e affidato ai funzionari dell’Ufficio Carta dell’Agro, presentava l’assoluta novità di abbracciare un arco cronologico amplissimo (dai resti preistorici all’Archeologia industriale) e di essere assolutamente interdisciplinare (architetti, archeologi, storici dell’arte, archivisti, ecc.).

Proprio in quell’anno l’arch. Paolo Micalizzi docente di storia dell’Urbanistica a Roma3, in accordo con Paolo Buonora, allora funzionario dell’Archivio di Stato, proposero alla Sovrintendenza una collaborazione per uno studio sulla città sette-ottocentesca.

Si affiancarono, nel tempo, l’Archivio Capitolino (che ha reso disponibile i suoi preziosi documenti sulle trasformazioni edilizie della città e l’Istituto Centrale per la Grafica che ha fornito l’occasione di “ritrarre” la Roma di quei tempi attraverso le splendide incisioni del Vasi e del Piranesi.

Nel 2004, poi,  la fondazione Cariplo ha concesso un finanziamento che ha dato un nuovo impulso ai lavori.

L’impegno prosegue e se molto è stato fatto, ancor più resta e si può fare, a partire, ad esempio, dal completamento della schedatura dei fondi archivistici e iconografici. Per non parlare del Suburbio e dell’Agro Romano: oltre 1200 km quadrati di lavoro e molte migliaia di beni da proteggere e valorizzare.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.