Roma – Museo della Shoah, la prima pietra entro il 2015





Per il momento il Museo della Shoah avrà sede a due passi dal portico d’Ottavia, nella Casina dei Vallati, in piazza 16 ottobre 1943, lo stesso luogo dove furono raccolti gli ebrei per la deportazione, mentre la posa per la prima pietra della nuova struttura, che avrà sede a Villa Torlonia, avverrà entro il 2015,  anno in cui si celebrerà il 70° anniversario della Liberazione degli ebrei dai campi di sterminio.

Questa è la proposta avanzata ieri pomeriggio dal Sindaco di Roma, Ignazio Marino ai soci fondatori e al Cda della Fondazione Museo della Shoah.

Abbiamo di fronte una decisione che ha una profonda valenza etica nei confronti degli ultimi sopravvissuti ai campi di sterminio – ha detto il sindaco di Roma – e la dobbiamo prendere anche con l’emozione della scomparsa di Mario Limentani, delle lacrime odierne di Sami Modiano, e delle parole toccanti di Piero Terracina. Ma come Amministrazione abbiamo il dovere di decidere tenendo conto anche dei vincoli giuridici e quindi di rispettare la procedura avviata e aprire le buste del bando di gara europeo per la realizzazione del museo, come sottolineato anche dal presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick. Tuttavia, come sindaco della città – prosegue Marino – e quindi anche della comunità romana, sento il dovere morale di realizzare il Museo della Shoah nella Capitale”. Ieri pomeriggio, però, nel corso della discussione è emersa una evidente diversità di opinioni tra i rappresentanti della comunità ebraica nel Cda della Fondazione. “Pertanto – conclude Marino – pur confermando la mia ferma volontà a realizzare il museo di Villa Torlonia, ho deciso di accogliere la richiesta di un’ultima pausa di riflessione di alcuni giorni.”

Il presidente delle Comunita’ ebraiche italiana, Renzo Gattegna, lasciando Palazzo Senatorio ha dichiarato: “È una proposta nuova e importante, un gesto generoso da parte del sindaco Marino che mette a disposizione un immobile comunale“.






Загрузка...
Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 337 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.