A Villa Torlonia la prima mappa tattile delle Ville Storiche   


A Villa Torlonia la prima mappa tattile delle Ville Storiche   




Realizzata con l’intento di accogliere e orientare il pubblico di visitatori con deficit visivi e in linea con la nuova attenzione rivolta alle tematiche dell’inclusione, è stata collocata a Villa Torlonia la prima mappa tattile delle ville storiche di Roma.
Il progetto – promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura – rientra nel programma di iniziative “Musei da toccare”, ideato con l’obiettivo di realizzare musei ‘senza frontiere’, a misura di tutti, e offrire all’intero pubblico la possibilità di accedere alle strutture museali e aree archeologiche, abbattendo le barriere architettoniche e sensoriali.

A Villa Torlonia arriva la mappa tattile

Posizionata nel parco della Villa, presso l’ingresso principale di Via Nomentana n.70, la mappa tattile di
luogo a rilievo (design “for all”
)  agevola, in modo chiaro e semplice, l’orientamento nel meraviglioso
giardino  della più recente villa nobiliare romana sia a persone con disabilità visive (non vedenti,
ipovedenti e con problemi di percezione cromatica), sia a normovedenti.
Le caratteristiche tecniche del leggio consentono, inoltre,  la piena fruizione della mappa anche alle
persone con disabilità motoria (spazio vuoto sottostante al piano inclinato per ospitare l’ingombro della
sedia a rotelle).

La mappa – approvata da I.N.M.A.C.I. (Istituto Nazionale per la Mobilità Autonoma di Ciechi ed
Ipovedenti) – è in italiano/inglese e braille e individua con semplicità gli elementi utili a dare una prima
idea della morfologia della villa e dei suoi edifici, identificandoli secondo la loro specificità: servizi al
visitatore; punti di maggiore interesse storico – artistico; aree verdi.
La mappa è accompagnata da una
legenda esplicativa che pone in relazione edifici e loro funzioni .

Indicati in ordine alfabetico e disposti secondo le modalità esplorative del tatto, i luoghi di interesse
sono identificati da scritte in braille in corrispondenza degli edifici e servizi, mentre le scritte a caratteri
ingranditi per ipovedenti, sono state riportate nella legenda.




MUSEI DA TOCCARE
Iniziative in corso

  • Art For the Blind: progetto sperimentale, unico nel suo genere, nato e pensato per il Museo
    dell’Ara Pacis
    ‘da e per i non vedenti’. I visitatori affetti da cecità o da patologie riduttive della vista
    possono accedere allo straordinario patrimonio del museo ed ‘entrare in contatto’ con il passato
    mitico del’Urbe, la storia dell’altare e di Augusto attraverso una nuova e speciale esplorazione
    plurisensoriale, in un mix di emozione e rigore storico-artistico;
  • InterGAM: progetto didattico presso la Galleria D’ Arte Moderna. Lanciato lo scorso febbraio,
    consente l’esplorazione di 26 capolavori della collezione del museo attraverso dispositivi touch-
    screen
    . Seppur proposto come un ‘museo visibile’, per offrire una multivisione immersiva e una
    comunicazione interattiva attraverso l’accostamento di immagini, InterGAM si rivolge anche agli
    utenti ipovedenti e non vedenti cui è dedicato un file audio con una descrizione dettagliata delle
    opere;
  • Totem L.i.S. video in Lingua Italiana dei Segni con sottotitoli, con la presentazione della storia e
    delle collezioni di numerosi spazi del Sistema Musei Civici realizzati dall’Istituto Statale per Sordi di
    Roma
    (della durata di circa tre minuti e proiettati su supporti multimediali);
  • Programma di visite tattili per non vedenti ed ipovedenti in corso da diversi mesi in tutti i Musei
    Civici
    .

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.