Bunker di Villa Torlonia chiuso da 200 giorni in attesa del nuovo bando: da gioiello turistico all’abbandono e al degrado


Bunker di Villa Torlonia chiuso da 200 giorni in attesa del nuovo bando: da gioiello turistico all'abbandono e al degrado




 

Sono passati 200 giorni dalla chiusura al pubblico – lo scorso novembre – del circuito di visita al Bunker e ai rifugi antiaereo di Villa Torlonia. Il Sovrintendente Capitolino Claudio Parisi Presicce aveva assicurato la definizione di un nuovo bando “entro poche settimane”, per avviare una nuova gestione da inizio 2017. Ma dopo sei mesi del bando non c’è traccia.

Nel frattempo si sta vanificando e disperdendo tutto il lavoro realizzato dall’Associazione Sotterranei di Roma per la valorizzazione culturale e il lancio turistico di questo importante sito di memoria bellica. Un lavoro di recupero, documentazione e divulgazione che in due anni aveva portato nei sotterranei di Villa Torlonia oltre 12 mila visitatori e 2.500 studenti.

Il trascorrere del tempo e l’assenza di manutenzione mettono a rischio i delicati restauri che erano stati compiuti sulle antiche dotazioni tecnologiche delle strutture antiaereo (in particolare i sistemi antigas e le porte blindate) con un imperdonabile e inaccettabile sperpero di denaro pubblico.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.