Roma – Chi fa donazioni al patrimonio artistico e culturale avrà sgravi fiscali





A.A.A. Mecenati cercansi. Il nuovo Decreto Cultura da il via libera alla possibilità, da parte di privati, di finanziare il patrimonio artistico e culturale italiano, ottenendo uno sgravio fiscale rimborsato in tre anni.
Infatti nel decreto possiamo trovare delle regole per il crowdfunding (o finanziamento collettivo) e fundraising (o raccolta fondi), è in oltre previsto un credito d’imposta fino al 65% per gli anni 2014 e 2015 e al 50% per il 2016. Il credito d’imposta è ripartito in tre quote annuali di pari importo.

 “Il dl Cultura introduce un Artbonus, basato sul modello Ecobonus, un sistema di incentivi fiscali per un privati (sia imprese, enti o comuni cittadini) che decidono di fare donazioni per il restauro di un bene culturale, con un credito d’imposta del 65% per gli anni 2014-2015 e al 50% per il 2016. Chi ha ricevuto la donazione dovrà in compenso rendere pubblico, anche sui siti web, l’ammontare della somma ricevuta e il suo utilizzo. E al ministero c’è l’ipotesi di creare delle strutture (a costo zero) per incentivare le donazioni.Si tratta di una norma che rivoluziona il rapporto tra pubblico e privato. Con questo passo in avanti ci mettiamo al fianco di paesi come la Francia che hanno creato il mecenatismo con risultati formidabili”, spiega il ministro Franceschini.

Il presidente della Fondazione MaxxiGiovanna Melandri, si ritiene soddisfatta da tale decisione: “Per una istituzione come il Maxxi che ha già raccolto la sfida di un modello di gestione misto pubblico/privato, è una grande notizia. Sono certa che sarà interesse di tutti ridare ossigeno e spinta a nuovi modelli di collaborazione e di rilancio della cultura italiana“. 

Il primo Ministro Matteo Renzi è soddisfatto e lo scrive su Twitter: 




Anche il Ministro Franceschini rilancia sullo stesso social network:

Le libere donazioni per gli interventi di restauro, manutenzione e tutela dei beni culturali pubblici, per il sostegno dei luoghi della cultura pubblici e degli istituti o per la realizzazione di nuove strutture o il restauro e il potenziamento delle fondazioni lirico-sinfoniche e dei teatri pubblici possono beneficiare di un credito di imposta al 65% 

Tale credito d’imposta, nei limiti del 15% del reddito imponibile, viene riconosciuto alle persone fisiche e agli enti senza scopo di lucro.

Mentre, ai soggetti titolari di reddito d’impresa il credito d’imposta è riconosciuto nei limiti del 5 per mille dei ricavi annui. Credito d’imposta che è utilizzabile anche in compensazione e non rileva ai fini delle imposte sui redditi e sull’Irap.

Una curiosità, il logo, ideato dal MiBact, per la campagna pubblicitaria dell’Art Bonus, utilizza ed assembla le lettere usate nelle firme più famose dei grandi artisti italiani.

Samantha Lombardi



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 337 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.