Il Tempio Ta Prohm in Cambogia





Il Regno di Cambogia è uno Stato del sud-est asiatico. Confina a nord con Thailandia e Laos, ad est col Vietnam, a sud ancora con Vietnam e il Golfo del Siam, ad Ovest ancora con il Golfo del Siam e Thailandia. Il sud-est asiatico si trova nella cosiddetta cintura di fuoco, una zona ad intensa attività sismica e vulcanica caratterizzata da fosse oceaniche e catene montuose vulcaniche sottomarine.

A pochi chilometri dalla città di Siem Reap, a nord-ovest della Cambogia, si svela, dalla fitta foresta, la città di Angkor Thom, antica ed ultima capitale del Regno Khmer. Nel periodo compreso fra il IX ed il XV secolo fu il centro politico-religioso dell’impero Khmer e ne ospitò le capitali.

Il Tempio di Ta Prohm, sito archeologico unico e più importante del sud-est asiatico, fu uno dei primi templi, facenti parte di un grandioso programma del più grande dei re costruttori di Angkor, costruito, in soli trent’anni, dal sovrano Jayavarman VII, in onore di sua madre, tra la fine del XII egli inizi del XIII secolo.

La struttura di base di Ta Prohm è quella del tipico tempio Khmer, nello stile Bayon: cinque recinzioni rettangolari realizzate intorno al santuario centrale e, come la maggior parte di questi templi, orientati lungo l’asse est-ovest. Il muro esterno racchiudeva un’area di 650.000 mq, oggi, occupata principalmente dalla foresta. I gopura posti agli ingressi erano disposti ai quattro punti cardinali, la pianta degli stessi era spesso a forma di croce allungata verso l’asse del muro di recinzione. Ciascun gopura presenta una torre a forma di viso, anche se alcune delle torri sono oggi crollate. All’esterno della quarta recinzione erano presenti dei fossati pieni d’acqua. I tre recinti più interni del tempio vero e proprio sono delle gallerie, mentre le torri poste agli angoli della prima recinzione formano con la torre del santuario centrale un Quincunx (rappresenta i cinque elementi nella configurazione con cui viene rappresentato il numero cinque su un dado a sei facce). Oggi è difficile individuare le varie strutture, sia a causa dei percorsi tortuosi a causa dei diversi crolli avvenuti nel tempio che per le numerose costruzioni aggiunte nel tempo. Tra gli edifici più importanti occorre ricordare: le Biblioteche, i Templi satellite, la Sala delle Danzatrici e la Casa del Fuoco. All’interno del Tempio di Ta Prohm si osservano i vari simboli della mitologia induista, come i linga che evocano Shiva e i bassorilievi che illustrano scene della vita quotidiana. Sulla stele del tempio viene indicato che il sito era abitato da oltre dodicimila persone ma si arrivava addirittura ad ottantamila se si consideravano coloro che abitavano nei villaggi circostanti.




L’immenso complesso sacro, che originariamente costituiva un tempio buddista e un’università, è rimasto sepolto nella giungla per molti secoli dopo il tramonto dell’impero Khmer. Dopo la fine della civiltà Khmer, la storia di Angkor è fatta di guerre, guerriglie, abbandoni, di secoli, in cui le strutture di questo tempio angkoriano buddista sono state abbandonate a se stesse e la giungla ha cercato di riappropriarsi degli spazi sottratti avvolgendo e inglobando, con le sue radici, la maggior parte degli edifici e, soprattutto, occultando i bassorilievi presenti sulle facciate e poi…… la sua riscoperta.

Le prime notizie su un’inverosimile “città di pietra”, nascosta dalla giungla, arrivarono in Occidente solo verso la fine del XVI secolo ad opera di portoghesi provenienti da Sumatra. Il primo resoconto dettagliato, in ordine di tempo, fu opera dello storico portoghese, Diogo do Couto, che si ipotizza abbia raccolto la testimonianza del frate cappuccino Antonio da Magdalena che visitò Angkor intorno al 1585. La grande città e i suoi templi restarono in buona parte nascosti dalla vegetazione fino al 1860 quando l’esploratore francese Henri Mouhot la fece conoscere al mondo, grazie ai suoi resoconti di viaggio, e che volutamente esploratori e archeologi hanno lasciato che la natura seguisse il suo corso.

Gli sguardi dei turisti, che alla prima impressione sembrano entrare in un luogo spettrale, non riescono a percepire gli alberi nella loro interezza, tale e tanta è la loro dimensione, impressionante anche nelle sue forme, in modo particolare per le robuste radici di ficus strangolatore (albero parassita) e tetrameles nudiflora che avvolgendo, come serpenti, le rovine hanno dato vita ad una nuova opera architettonica.

Fra tutti i templi di Angkor, il tempio di Ta Prohm è particolarmente famoso e chiamato dagli abitanti del luogo “Tempio di Tomb Raider” in quanto utilizzato per girare il film Tomb Raider che vede l’attrice Angelina Jolie nei panni di Lara Croft, il sito è presente anche nel film In the Mood for Love e in poche scene di Transformers 3.

[flickr_set id=”72157633946300589″]



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 335 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.