La Necropoli Vaticana





Gli scavi eseguiti sotto la Basilica di San Pietro hanno rilevato la presenza di un’estesa necropoli che si trova praticamente sotto il livello delle Grotte Vaticane, in corrispondenza  della navata centrale della stessa Basilica.

E’ un’area cimiteriale di epoca romana, sorta accanto al Circo di Nerone e formata da mausolei in laterizio, molto ben conservati, disposti su due file parallele, lungo una via funeraria, dove coesistono tombe pagane e cristiane considerando che, le stesse, restarono in uso dal II al IV secolo d.C.

Dalla disposizione dei sepolcri, si può distinguere, chiaramente, lo sviluppo cronologico della necropoli: la fila dei sepolcri disposti a nord è sicuramente più antica del II secolo d.C. perchè il rito dell’inumazione coesisteva con quello dell’incenerazione,  mentre, i sepolcri sul lato sud, dove prevaleva l’inumazione, sono più tardi del III secolo d.C.




I  mausolei sono allineati lungo un sentiero costeggiato da sarcofagi con decorazione musiva in gran parte intatta, ciascuno appartenente a una famiglia, il nome della quale è, in molti casi, ricordato dalla lapide dedicatoria posta sopra la porta d’ingresso; forte è il contrasto fra la semplicità dell’esterno, in semplice laterizio, e la sontuosità degli interni  che sono vivacemente decorati con affreschi e stucchi, alcuni di essi presentano una pavimentazione in mosaico bianco e nero e recano alle pareti nicchie per contenere le urne delle ceneri e arcosoli per la sepoltura dei defunti.

Tra i  mausolei più importanti  vi è quello dei  Giulii in cui è presente una decorazione musiva di tema cristiano, in buona parte intatta, nella quale è rappresentato Cristo (Helios), il Buon Pastore, Giona riportato a terra da un mostro marino, il Pescatore, allusivo a San Pietro. Interessante è anche il mausoleo di Popilius Heracle dove un’iscrizione riporta una parte del testamento, in cui il defunto chiede che la sua tomba sia costruita….in Vaticano, accanto al Circo….; questa indicazione è stata preziosa per individuare il Circo di Nerone che appunto si trovava vicino la Necropoli Vaticana. Numerosi sono i sarcofagi del II-III-IV secolo d.C. con scene varie, nelle quali predomina la figura di Dionisio (Bacco).

In seguito, lo spazio della necropoli fu occupato da altre tombe, anche se, la maggior parte dei sepolcri cristiani si concentrarono nella parte  occidentale, dove si apriva un modesto spazio, detto “Campo P”, circondato da mausolei, (costruiti due piani al di sotto dell’attuale altare della confessione della Basilica), punto che si ritiene essere il luogo dove è stata identificata  la tomba di Pietro.

Intorno alla metà del II secolo d.C., sulla tomba del martire, fu costruito un monumento  delimitato a ovest da un muro intonacato di rosso. Lo stesso era costituito da una nicchia con due colonnine che sorreggevano una lastra di marmo sopra cui vi era realizzata una nicchia  più piccola. Un’altra  nicchia sottostante,  interrata, conteneva la tomba di Pietro, come testimoniano i graffiti che si trovano sul muro nella parte posteriore della nicchia più grande, in cui si distingue un’iscrizione in cui si legge il nome dell’apostolo in caratteri greci.

Negli anni 320/350 d.C. l’imperatore Costantino volle costruire, qui sul Colle Vaticano, la prima basilica dedicata all’apostolo Pietro, scelse questo luogo perché, dopo la persecuzione e il martirio dell’Apostolo,  i primi cristiani collocarono e seppellirono qui il corpo di Pietro.

 

[flickr_set id=”72157632097075811″]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.