Marco Bonini ha presentato “L’arte dell’esperienza” con Paola Minaccioni al “Parco dei Libri”


Marco Bonini




Primo appuntamento per la rassegna “Il Parco dei Libri” nel giardino di Parco Sforza Cesarini di Genzano di Roma. La manifestazione, ideata e realizzata da Mondadori Bookstore Velletri-Genzano-Lariano-Frascati-Cisterna e Fondazione De Cultura in collaborazione con il Sistema Castelli Romani, è patrocinata dal Comune di Genzano e consta di due appuntamenti con due grandi autori.

Di fronte a un parco gremito

Di fronte a un parco gremito, la serata ha visto protagonisti due attori di altissimo livello: Marco Bonini e Paola Minaccioni. A dare il benvenuto Guido Ciarla, titolare delle Mondadori e presidente della Fondazione, che ha ringraziato le istituzioni per il supporto ad un’iniziativa giunta alla sua terza edizione, e Giulia Briziarelli, Assessora alla Cultura, che ha sottolineato l’impegno dell’Amministrazione nel far vivere il parco d’estate con eventi ogni volta diverse.

Con Tiziana Mammucari a coordinare il dialogo, si è instaurato un clima amichevole fatto di aneddoti, riflessioni, interventi. Marco Bonini ha scritto “L’arte dell’esperienza” (La Nave di Teseo) partendo da una lunga introduzione – magistralmente letta, anzi interpretata, da Paola Minaccioni – in cui si rivolge direttamente al lettore con ironia e arguzia. Un libro nato, come emerso nell’intervista, dal lockdown in cui fra i vari interrogativi che ognuno si è posto umanamente e professionalmente c’è stato quello – per Bonini – del ruolo dell’attore e della sua funzione sociale.

Gli attori, disponibili a eventi telematici

Gli attori, disponibili a eventi telematici e alla ricerca di spot e iniziative per tirare su il morale, star vicini alla popolazione e sensibilizzarla, si sono rivelati importantissimi per tante persone. La ricerca di Bonini, condizionato a sua detta dalla laurea in Filosofia e dai relativi studi, va proprio in questa direzione: l’analisi dei meccanismi intimi e filosofici che legano interprete, personaggio e spettatore. Ecco che allora la funzione sociale dell’attore ha un senso molto ampio: manovra le emozioni e tocca le corde dei sentimenti. Un senso confermato dall’esperienza diretta sia di Marco Bonini che di Paola Minaccioni, concordi con l’idea che per recitare veramente bene sia fondamentale un passaggio preliminare: imparare a conoscere le emozioni proprie e altrui.




Al termine dell’incontro il consueto firma-copie e le foto-ricordo con l’autore. “Il Parco dei Libri” continua mercoledì 27 luglio alle ore 21.00 con Piero Grasso, che dialogherà con Roberto Palladino. L’ingresso è sempre libero e l’appuntamento è alle 20 con la degustazione enogastronomica gratuita e, a seguire, con la presentazione del libro “Il mio amico Giovanni” (Feltrinelli)



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.