Perchè, fra le Sibille antiche (cioè le profetesse di Apollo), quella Cumana è sempre rappresentata come una vecchia?


apollo




Perchè, fra le Sibille antiche (cioè le profetesse di Apollo), quella Cumana è sempre rappresentata come una vecchia?
Ce lo racconta lei stessa nelle Metamorfosi di Ovidio, in un dialogo con Enea.

Quando aveva poco più di 15 anni il dio Apollo si era innamorato di lei

Per convincerla a cedergli e per dimostrare il suo potere, il dio aveva promesso qualsiasi cosa lei volesse. Ella aveva guardato per terra, c’era della sabbia. Ne aveva preso un pugno, e aveva detto: “Voglio vivere lo stesso numero di anni dei granelli che ci sono in questo pugno di sabbia”.
La Sibilla ottiene il dono, ma il desiderio è sciocco: non ha infatti chiesto l’eterna giovinezza. Il dio la incalza, la prega di concedersi, e le dice che la farà vivere giovane in eterno. Lei, sentendosi vigorosa nei suoi 15 anni, e potente come tutti i giovani, rifiuta. Tuttavia il primo dono è stato ottenuto. La Sibilla è destinata a vivere 1000 anni – il numero dei granelli di sabbia – ma invecchiando progressivamente. Dopo diventerà solo voce profetica senza corpo.

Leggenda

La leggenda racconta che la Sibilla si sia tanto rinsecchita da diventare una cicala gracchiante, ed essere chiusa in una gabbietta appesa nel Tempio di Apollo a Cuma.
Nella rappresentazione che qui vediamo, il pittore Elihu Vedder (New York, 26 febbraio 1836 – Roma, 29 gennaio 1923) ce la presenta vecchia e delusa, costretta ad appoggiarsi ad un bastone, che volge allo spettatore uno sguardo amareggiato. Dietro di lei le carte arrotolate alludono alla saggezza e alla sapienza, e la lucerna alla possibilità profetica di guardare nel buio.
Ma ne è valsa la pena?

var url314672 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1153&evid=314672”;
var snippet314672 = httpGetSync(url314672);
document.write(snippet314672);





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.