Nemesi, il romanzo di Paolo Bertelli, l’incontro con l’autore





Ci ritroviamo a leggere un libro sulla guerra, la prima guerra cruenta che il mondo ha conosciuto e che di certo non può essere dimenticata. Come in un romanzo storico e come in un libro di storia contemporanea, ritroviamo la storia coi suoi lati oggettivi e crudi ma anche il sentimento e le storie di ognuno, l ‘individuo di fronte alla miseria dell’animo umano e alla cattiveria dello stesso. Nemico e amico, fronte, armi, guerra, delirio, promesse e incertezza: questi i temi, questi i sentimenti. Sicuramente uno scenario percepibile anche se non vissuto e un tema che suscita compassione e amore allo stesso tempo. Dramma, tristezza, malinconia. Ma cosa sarebbe il mondo senza la ricostruzione del passato? Il libro è anche un invito alla memoria, una memoria che ha gli stessi uomini di oggi, solo più impauriti e più forti per le situazioni che hanno dovuto vivere.

Salve Paolo, benvenuto tra le nostre pagine e grazie per essere qui in nostra compagnia oggi. Ci racconti qualcosa di lei, magari parlandoci anche della sua esperienza in ambito letterario.

Sono un chimico che lavora nel settore della moda. Ho avuto la fortuna di incrociare le mie speranze e il mio desiderio di creare qualcosa in ambito letterario con la Brassotti Agency. Loro per primi mi hanno dato fiducia e l’opportunità di pubblicare il mio primo romanzo. Grazie a loro, quella che era una passione, è diventata una realtà concreta e cartacea. Mi è sempre piaciuto leggere e semplicemente un giorno, senza pensarci troppo, ho iniziato a scrivere e quindi a trasformare in inchiostro su carta le idee che avevo in testa.

Ad agosto 2021 è uscito il suo romanzo Nemesi per la casa editrice Pluriversum. Potrebbe presentarlo ai nostri lettori?

È un fantasy atipico. Ho cercato volutamente di discostarmi dalle trame classiche con draghi e affini. Ambientato durante il reale orrore della Prima guerra mondiale, che viene in parte descritta nei suoi fatti storici, è incentrato sull’eterna lotta tra bene e male.  Nemesi è la luce che cerca di farsi spazio tra le tenebre, ma anche l’oscurità che cerca di spengerla. È la storia del genere umano con tutte le sue controversie, capace di fare scoperte strabilianti ma anche di far scoppiare due Guerre apocalittiche che hanno segnato un’epoca.




Ci sono molti misteri che accompagnano la storia dell’umanità. Mi sono sempre chiesto se tutte le scoperte fatte fossero solo frutto della nostra millantata intelligenza o fossero in qualche modo indotte da “altri”. E se non fossimo i burattinai ma solo i burattini e le fila le tendesse qualcun altro? Il racconto è nato da qui e si è fuso con le mie passioni e il mio lavoro. Ci saranno quindi richiami di chimica, ma soprattutto un’epoca storica ben precisa e reale.

Nemesi mescola elementi storici e fantastici nell’Europa di inizio Novecento. In che modo ha sviluppato questi aspetti all’interno del romanzo?

C’è stato molto studio e documentazione dietro questo libro. Volevo con forza che la storia, pur con sfumature fantasy e misteriose, avesse una solida base di realtà. I fatti a cui faccio riferimento sono avvenuti, i luoghi che cito sono esistenti così come le distanze tra essi quando nella parte finale la trama diventa molto movimentata, con una corsa contro il tempo dei protagonisti che cercano di porre fine agli eventi che stanno precipitando.

Ci sono anche delle note a fondo pagina che spiegano alcuni dei fatti avvenuti durante la prima guerra mondiale, in maniera tale da introdurre ancor di più il lettore nelle vicende e che sono state molto apprezzate.

A cura di T. Beracci- C. Francosi




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.