Prossimo e Remoto, ce ne parla l’autrice Eleonora Rimolo


FOTO DI DANIELE FERRONI




La poesia di Eleonora Rimolo è molto dolce e delicata, personale e attuale. A tratti pare un diario, a tratti ripercorre un po’ di sano ermetismo, altre volte confonde, altre invece rivela. Alberi, riposo, premura, anni, mesi. Parole messe lì per dare una risposta a sentimenti, domande, emozioni che necessitano la carta. E’ questo il significato della poesia: siamo poeti con storie dentro che hanno bisogno di venire fuori. Alcuni componimenti sono anche tratteggiati da date come a condurre verso un passato remoto. Prossimo e remoto cosa sono in fondo? Dinamiche temporali che si abbracciano ed Eleonora l’ha fatto. In questa raccolta tutto è un andirivieni, la mente vaga e i pensieri si rincorrono, vi è la delineazione di una vita, di una storia, di esperienze che hanno prodotto sensazioni e ricordi che ora sono tutti assieme e si coccolano a vicenda mentre vengono letti e analizzati. Un libro consigliato per chi vuole approcciarsi ad una lettura premurosa di una gentile raccolta poetica.

Cosa ti ha ispirato per la scrittura di queste poesie?

L’ispirazione nasce da una continua necessità frustrata di comunicazione con l’Altro: soprattutto nei due anni di pandemia, l’impressione era più che mai quella che ognuno badasse a se stesso nel modo più brutale e primitivo possibile. Siamo stati disposti ad interrompere tutti i nostri rapporti sociali per salvaguardare noi stessi, e questo ha acuito una certa tendenza a considerare il prossimo come “estraneo” o addirittura “pericoloso”. Al di là delle problematiche relative alla salvaguardia della “salute pubblica”, ciò che oggi rimane è una totale e consapevole indifferenza verso l’altro, una indisposizione a fare qualcosa che renda felice l’altro e non direttamente noi stessi. È una dinamica barbara, inumana, che mi agghiaccia e mi rende disarmata. Tuttavia, provo a usare ancora la parola poetica per richiamare alla riflessione i miei lettori, nella speranza che serva a ristabilire un corretto equilibrio nelle modalità di gestione della vita. Non penso che si possa sopravvivere senza dare un po’ di se stessi a qualcuno. In questo libro cerco di dimostrarlo.

A cosa è dovuto il titolo della raccolta poetica?

Il titolo e la struttura in sezioni del libro sono intrinsecamente legati: agiscono sulla linea dello spazio-tempo e ci permettono di fare un viaggio nelle nostre profondità emotive. “Prossimo e remoto” sono due coordinate temporali: o siamo vicini a qualcosa/qualcuno o siamo lontanissimi e soli. “Microcosmo, Isola e Macrocosmo” invece sono due coordinate spaziali: ognuno è libero di scegliere in quale luogo collocarsi e con quali interlocutori sostenere un confronto.




Da quanto ami la poesia e la pratichi come forma di narrazione?

Da quando ho imparato a leggere e a scrivere. Non so dire perché, ma non conosco altre forme così efficaci di narrazione. Magari è la poesia che ha scelto me, chissà.

A quali poeti ti senti legata?

Sono molti i poeti a cui sono legata, e spesso cambiano a seconda del momento della vita in cui mi trovo. Attualmente mi sento profondamente affascinata da Francesco Tomada, Valentino Ronchi, Mario Benedetti. Ma sono sempre variabili. Alcuni maestri poi non ti abbandonano mai, perché ti accompagnano fin dalla scuola: Foscolo, Alfieri, D’Annunzio, Gozzano, Moretti, Montale, e tanti altri, hanno messo in me radici anche se per lunghi periodi non li rileggo.

Hai in progetto altre poesie o altri libri per il futuro?

In questo momento penso a questo libro: vorrei che giungesse a più lettori possibili. Sicuramente arriverà in futuro un momento in cui avrò l’esigenza di scrivere su un diverso tema, di lanciare un nuovo messaggio. Quando sarà, me ne accorgerò.

FOTO DI DANIELE FERRONI



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.