Angela Casalanguida presenta il suo nuovo libro, La dolcezza del sale


Angela Casalanguida




Carol è una ragazza orfana e sola al mondo, quando la morte improvvisa di una vecchia amica mette sul suo cammino Nicole: una figlia in affido. Carol non ha la minima idea di come si cresca una bambina, ma la dolcezza e l’innocenza della piccola le indicheranno la via, donandole quella ragione di vita che prima le mancava.

Tre anni dopo, Carol si è trasferita a Rimini per occuparsi di Nicole e diventare la sua nuova mamma. Dona tutta se stessa alla bambina, senza interessarsi minimamente all’amore. Ma sarà l’arrivo di Gabriel, padre biologico di Nicole, a scombussolare l’equilibrio della loro quotidianità, con la sua voglia di recuperare il tempo perduto, con i suoi segreti, con una certa arroganza e… innegabile fascino.

Il libro inizia con un chiaro riferimento alla vita di Carol

Il libro inizia con un chiaro riferimento alla vita di Carol, una ragazza che si sente vuota e perduta, sola e in bilico tra ciò che desidera e fa.
La sua vita sembra non avere obiettivi ma il destino sta per riservarle qualcosa di davvero incredibile.
Scrittura fluida, capitoli più o meno lunghi e parole chiare e di impatto, la narrazione scorre veloce e sin dalle prime pagine si arriva al sodo. Da pagina 16 in poi infatti si nota subito cosa il destino sta per riservare alla protagonista che mai si sarebbe sognata tutto questo.

Come in quei film dove improvvisamente ci si ritrova a dover diventare la madre o il padre di, a dover cambiare città perché qualcuno ha deciso che devi salvargli la vita, ecco che Carol vive lo stesso. Un’amica muore, un’amica che lei non vedeva da un po’, da anni ormai, è il suo destino: Carol sarà la madre di sua figlia. Tutto improvvisamente scuote l’anima di questa ragazza, ormai donna, ormai madre acquisita, che forse tramite un amore materno può finalmente trovare la sua vera identità e non focalizzarsi solo sugli aspetti della sua vita che non vanno.




“I miei sogni ora non ci sono più.”
“Ci sono i carabinieri, vogliono parlare con te. ”
“I fiori più belli nascono nel deserto, gli amori più grandi nel dolore. ”

Queste tre frasi, questi pensieri, questi stati d’animo, queste situazioni, constatazioni, avvertimenti, accadono in tre punti specifici del libro. Primo capitolo, successivamente, infine, nell’ultima pagina.
Carol è una ragazza senza speranze, si butta sul letto, smarrita, spera che il sonno, dopo la stanchezza per il lavoro, possa alleviare il peso che incombe sulla sua anima.

Poi i carabinieri, la nuova vita. Bussano alla porta, la sua amica è morta.
E infine i fiori più belli, una figlia, che nasce nel deserto delle possibilità. Nulle, inesistenti, un miraggio eppure eccole, presenti.

Gli amori più grandi nel dolore. Un uomo, un padre di una bambina senza madre, un uomo che soffre e per questo è sempre arrogante. Un nuovo amore per Carol? Una nuova famiglia nel deserto delle possibilità?



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.