Difendi il coraggio dell’amore, il primo romanzo di Francesca Scotto di Carlo


Difendi il coraggio dell’amore, il primo romanzo di Francesca Scotto di Carlo




Un talento svelato già al suo primo romanzo: Francesca Scotto di Carlo classe 1993, è nata a Napoli ed è una studentessa laureanda in medicina e chirurgia. Stravolge e incanta con il suo “Difendi il coraggio dell’amore” affidato alla edizione della GM Press. Il romanzo già in vendita da settimane debutterà in data 1 febbraio nella cornice Flegrea del Mistero’ di Bacoli e Monte di Procida.

C’è un’immagine nella tua memoria che ricollega al momento in cui hai deciso di voler diventare scrittrice?

Ero al mare. Quando i miei pensieri sono ansiosi e inquieti è lì che vado, e ogni volta è come tornare a respirare dopo che trattieni il fiato per troppi secondi. Il mare è l’unico che annega e manda via coi suoi grandi spazi larghi quei pensieri, purificandoli col suo rumore ed imponendone un ritmo su tutto ciò. Ho fatto il bagno anche se l’acqua era gelata e mi sono sentita il fuoco dentro. Era un momento perfetto. Era il mio momento. E se riesci a trovare la perfezione di un’istante, allora hai vinto. 

Che legame hai col tuo primo romanzo?

Il legame col libro, ovviamente, è strettissimo. È una parte di me che sta sperimentando qualcosa di profondo.




Qual è il tuo pubblico ideale? A che tipo di lettore hai pensato?

Quando ho scritto “Difendi il coraggio dell’amore” ho pensato poco a chi l’avrebbe letto. Se mi capita di farlo, penso a qualcuno che mi assomigli, che sia curioso quanto me e pronto a leggermi. Ma devo dire che ci penso il meno possibile, perché c’è da diventare matti a provare a indovinare chi leggerà.

Cosa ti aspetti dal tuo romanzo?

Nessuno sa come andrà. Per fortuna aggiungerei, altrimenti gli editori pubblicherebbero solo i libri di cui già sanno che avranno successo. La riuscita di un libro è sempre una sorpresa e non risponde a nessuna regola prestabilita.

Per finire, un gioco: se potessi scegliere solo due libri da consigliare, quali sarebbero?

Ad allontanare dal cuore non sono mai stata brava, e poi, non mi piacciono i giochi in cui bisogna buttare dalla torre qualcuno o qualcosa. Casa mia è piena zeppa di libri, proprio perché non voglio buttare i grandi amore della mia vita. E sono tanti. Sceglierne due, vorrebbe dire buttare tutti gli altri. E a me non piace buttare via né libri né amori.

Consiglierei il mio, al secondo poi ci pensiamo…

Sinossi

Francesca non può vivere senza l’amore. Una parola che ha messo dove non dovrebbe stare e che ha smesso di sottovalutare. Ha conosciuto l’amore assoluto ed è quello per un figlio mai nato, per un fratello, per una madre e un padre, quello per cui daresti la vita. Tu hai mai incontrato un uomo che possa generare tale sentimento? Avrebbe potuto trovare molte più risposte se avesse chiesto a lui ma ha avuto il bisogno di difendersi, di avere paura. Così è partita ed è tornata lì. Nel tempo le cose non si chiariscono; c’è stato sicuramente uno sbaglio, è stata stabilita la parola sbagliata per definire quel qualcosa di imprescindibile che si crea in una coppia, un misto di attrazione psichica e fisica, tra sesso e tenerezza, tra bisogno e appartenenza.

Qualcuno ha sbagliato, e adesso quel qualcuno la deve pagare. Come? Difendendo il coraggio dell’amore. Ogni giorno. Il suo. Il tuo. Il mio. E con le mani sui fianchi, con le sue storie che continuano, mentre tutti sperano che non piova più, benché questa sia un’opera di evidenze e fantasie molti degli avvenimenti tra gli alti e bassi della sua vita si sono svolti nel modo descritto. “Il posto dei quasi amore esiste davvero” racconta una ragazza che ha sempre sentito forte il dovere di sognare. Se capiti da quelle parti non mancare di visitare.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.