Bataclan: mostra fotografica a Napoli





Bataclan” è il titolo della prima personale fotografica di Renato Aiello, giornalista e
fotoamatore napoletano, visitabile dal 2 al 15 ottobre 2018 presso il Complesso
Monumentale di San Severo al Pendino, situato a Via Duomo 286. Una mostra a ingresso
libero, aperta tutti i giorni tranne la domenica, che si configura come un vero e proprio
percorso nella memoria del primo anniversario delle stragi del 13 novembre 2015 a
Parigi, attraverso le immagini in bianco e nero della gente accorsa al Boulevard Voltaire.
I volti, gli sguardi, le candele e i fiori delicatamente riposti sotto la lapide
commemorativa, le mani conserte in segno di preghiera in una mattina senza sole, il
dolore vissuto con dignità da amici e parenti delle 90 vittime del Batalcan. La
compostezza di un lutto difficilissimo da elaborare, una ferita ancora aperta a distanza di
3 anni: più di 300 furono infatti le vite falcidiate quella notte, nel complesso degli
attacchi coordinati ed eseguiti su vasta scala nella capitale francese da terroristi di matrice
islamista, inneggianti all’allora sedicente Stato Islamico in Syria e Iraq. 40 foto esposte,
di cui alcune candidate l’anno scorso dall’autore al Magnum Photography Award 2017 (e
cinque esposte in qualche collettiva su invito, tra cui la kermesse “Arte in Vetrina 2016” e
“Via la Violenza a suon di foto” di Maison de la Photo), che provano a raccontare la
prima commemorazione ufficiale degli attentati, seguita dalle tv e da giornalisti di tutto il
mondo. 40 scatti scelti dall’autore nella moltitudine di fotografie realizzate quel giorno
che, a suo dire, “non è stato semplice da affrontare e metabolizzare anche dopo. Non sono
mancati i momenti in cui pigiare sul tasto dell’otturatore si è rivelato più difficile di
quanto pensassi, nonostante la regola della giusta distanza che questo mestiere ci impone
quando si è impegnati nella cronaca di situazioni dolorose e tragiche”, è ciò che confessa
l’autore del reportage, che in quella mattina del 13 novembre 2016 si trovò quasi per caso
al Boulevard Voltaire. “Non potevo non documentare, semplicemente sentivo il dovere di
riprendere, di lasciare, per quanto possibile e nei miei limiti, un ricordo di quel giorno”.
Questo infatti il compito e la missione ultima della mostra: mantenere alta l’attenzione e
preservare il valore fondamentale della memoria, per la nostra generazione e per quelle
che verranno. Affinché non solo tutto questo non si ripeta più, ma si prenda finalmente
coscienza dell’orrore e della morte senza senso che solo l’interpretazione violenta della
religione sa produrre. Le testimonianze fotografiche delle associazioni musulmane
contrarie alla follia e alla barbarie terroristica, presenti quel giorno con rappresentanti,
manifesti e totem roll up per strada, sono la prova dell’esistenza di un Islam moderato.
Un Islam forse ancora timido e poco attivo, ma chiamato a un ruolo di sempre maggiore
responsabilità nella nostra società. Finissage previsto per il 13 ottobre dalle ore 16 alle
19, con un testo critico di chiusura rassegna e sarà presente inoltre all’esposizione anche
un’installazione artistica dedicata all’Europa e dei cahiers (quaderni) su cui raccogliere
impressioni e note, riflessioni e opinioni in merito alla mostra. E il riscontro è stato già
finora molto positivo, di critica e pubblico, con tanti commenti e pensieri scritti da
visitatori italiani e da tutto il mondo, in particolare francesi, molto presenti nella via dei
Musei a Napoli.
DOVE : Complesso Monumentale di San Severo al Pendino situato in via Duomo 286, Napoli
(NA).
QUANDO : Visitabile da martedì 2 ottobre a lunedì 15 ottobre 2018, tutti i giorni dal lunedì al
sabato dalle 9 alle 19, tranne la domenica (chiusa il 14 ottobre pertanto)
Finissage: Sabato 13 ottobre 2018 dalle 16 alle 19
NOTE SULL’AUTORE: Renato Aiello, napoletano, è giornalista pubblicista, nonché​
appassionato di fotografia e cinema. Si occupa di comunicazione a 360 gradi, videomaking
compreso, per attività commerciali e privati. Fotoamatore da sempre, è attivo negli ultimi anni in
un lavoro di documentazione e ricerca visiva del territorio metropolitano. Dopo varie collettive
cui ha partecipato dal 2016, tra cui anche una a San Francisco nel CCA, California College of
Arts, “Bataclan” è la sua prima personale in assoluto.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.