“Storie di case” il 22 febbraio alla Sala Pietro da Cortona ai Musei Capitolini





 

Muovendo da alcuni casi esemplari dell’architettura internazionale del XX secolo come le “case – manifesto” dei grandi maestri, Moschini ripercorrerà storicamente le diverse declinazioni dell’abitare in ambito italiano, dalle Biennali di arti decorative, alle diverse edizioni delle Triennali di Milano degli anni Trenta, fino alla VIII edizione del 1947, dedicata all’abitare e al problema della ricostruzione affrontato attraverso la realizzazione del quartiere sperimentale QT8, al neorealismo delle costruzioni dell’Ina casa fino ai grandi intensivi degli anni ’60 e ’70, come Tiburtino, Laurentino, Corviale o lo Zen di Palermo.

Negli ultimi decenni del Novecento il tema dell’abitare ha perso progressivamente la sua centralità, sostituito da altri riferimenti culturali e progettuali, quali ad esempio il cimitero, il museo, le grandi stazioni. Profonde trasformazioni sociali, inoltre, con mutamenti di stili di vita e di uso, hanno modificato il concetto stesso dell’abitazione.

Nella contemporaneità del XXI secolo il tema dell’abitare non si limita alla casa e all’abitazione ma è parte integrante di una ricerca progettuale volta alla qualità dell’ambiente edificato, e di una pratica dell’architettura intesa come parte attiva nel processo di partecipazione e condivisione sociale, in grado di generare una nuova consapevolezza civica.




“Storie di case” è inserito nel programma di EDUCARE ALLE MOSTRE, EDUCARE ALLA CITTÀ – ciclo di approfondimenti ragionati su archeologia, trasformazioni urbane, musica, scienza, arte contemporanea condotti da Direttori e curatori di museo e docenti universitari – ed è promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Francesco Moschini è Professore Ordinario di Storia dell’Architettura presso il Politecnico di Bari. Dal 2008 è Accademico Nazionale di San Luca e dal 2011 Segretario Generale della stessa Accademia. Membro, dal 1974, dell’AICA, Associazione Internazionale dei critici d’Arte. Fa parte del Consiglio Scientifico della rivista “Rassegna di Architettura e Urbanistica”, ed è membro del Comitato Scientifico del Centro di Studi per la Storia dell’Architettura e di numerose riviste scientifiche.

É curatore tra l’altro di alcune collane di architettura per le edizioni Kappa/A.A.M. e autore dei cataloghi della serie “Monografie di architettura” per il Centro Di, Firenze.

Nel 1978 ha fondato A.A.M. Architettura Arte Moderna di Roma, centro di produzione e promozione di iniziative culturali, studi e ricerche, tuttora attivo, e impegnato nell’indagine della cultura del progetto e dei sottili rapporti che esistono all’interno del Sistema delle Arti. Ha curato numerose mostre in Italia e all’estero. Attualmente è impegnato nell’organizzazione della Biblioteca Fondo Francesco Moschini Archivio A.A.M. Architettura Arte Moderna per le Arti, le Scienze e l’Architettura, da lui recentemente donata al Politecnico di Bari, e nella sistemazione della sua ampia raccolta di disegni di architettura dal ’700 ad oggi. La sua attività, secondo un progetto culturale unitario, è caratterizzata dalla costante attenzione ai rapporti tra teoria, storia e progetto, sia nell’ambito dell’architettura che più in generale delle arti visive. 

Musei Capitolini Sala Pietro da Cortona

Piazza del Campidoglio, 1

 

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

 

INFO

Prenotazione obbligatoria

Tel. 060608 (dalle 9.00 alle 21.00)

 

Il calendario delle attività ed eventuali aggiornamenti sono consultabili

scuole.museiincomuneroma.it

www.sovraintendenzaroma.itwww.museiincomune.roma.it

 



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.