L’arte differente: Mocak al MAXXI dal 7 dicembre al 22 gennaio 2017


L'arte differente: Mocak al MAXXI dal 7 dicembre al 22 gennaio 2017




Dopo la mostra dedicata all’artista Basim Magdy, Artist of the Year 2016 per Deutsche Bank, continua al MAXXI il  programma di collaborazioni internazionali Expanding the Horizon a cura di Hou Hanru, con un’esposizione dedicata alla collezione del MOCAK il museo di arte contemporanea di Cracovia (Polonia).

La mostra dal titolo L’ARTE DIFFERENTE: MOCAK AL MAXXI a cura di Maria Anna Potocka Direttrice del MOCAK, presenta dal 7 dicembre 2016 al 22 gennaio 2017, oltre 50 opere tra dipinti, fotografie, video, installazioni nella prima mostra italiana dedicata a questa collezione.

Il programma Expanding the Horizon ha infatti proprio il fine di sviluppare le collaborazioni internazionali del MAXXI, e quella di esplorare una nuova forma di spazio pubblico in cui il Museo collabori con altri istituti e collezioni private, nell’ambito dei quali il MOCAK si distingue come partner esemplare.

La mostra costituisce una occasione unica per scoprire la scena creativa della Polonia contemporanea non solo attraverso il lavoro degli autori più importanti nel mondo artistico polacco, come Mirosław Bałka, Zofia Kulik, Kwie Kulik, Zbigniew Libera, Wilhelm Sasnal, Krzysztof Wodiczko e Artur Żmijewsk, ma anche attraverso le numerose opere di artisti internazionali, tra cui AES+F, Reza Aramesh, Josef Dabernig, Maya Gold, Krištof Kintera, Sarah Lucas, Shahar Marcus, Muntean/Rosenblum, Shinji Ogawa e Daniel Spoerri capaci di comporre nel loro insieme un quadro completo dell’arte contemporanea in Polonia degli ultimi decenni.




Attraverso la sua ampia collezione (più di 4800 opere di 270 artisti da 35 paesi), il MOCAK fa un costante lavoro di avvicinamento alla creatività contemporanea, combattendo la falsa credenza che l’Arte debba essere piacevole e decorativa, ma al contrario sostenendone il compito provocatorio, scardinatore dei valori tradizionali.

I due obiettivi principali del MOCAK sono presentare l’Arte degli ultimi anni nel contesto dell’avanguardia post bellica e dell’arte concettuale, e approfondire il tema di cosa voglia dire oggi fare arte. Il MOCAK intende convincere addetti ai lavori e non, che proprio l’Arte sia lo strumento indispensabile per comprendere il mondo.

Il MOCAK è il primo museo in Polonia realizzato per l’arte contemporanea.

Costruito nell’area della ex fabbrica di Oskar Schindler, il suo programma comprende sia mostre di arte contemporanea internazionale che progetti di ricerca, educazione e editoria. Nei suoi cinque anni di attività il museo ha realizzato 106 mostre e prodotto più di 90 pubblicazioni.

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano e inglese). 

Si ringrazia l’Istituto Polacco di Roma, Adam Mickiewicz Institut di Varsavia e il Comune di Cracovia 

La prima mostra italiana con opere della collezione del MOCAK 

Il museo di arte contemporanea di Cracovia

Secondo appuntamento di Expanding the Horizon

la serie di mostre dedicata dal MAXXI alle grandi collezioni internazionali

7 dicembre 2016 – 22 gennaio 2017



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.