Dopo 20 anni riapre domani al pubblico l’area archeologica dei Fori Imperiali





 

L’area archeologica dei Fori Imperiali riapre al pubblico. Dopo 20 anni, da domani l’area sarà visitabile durante il giorno da tutti i visitatori perché il percorso è attrezzato senza barriere architettoniche. Ad inaugurare l’area la sindaca di Roma, Virginia Raggi; l’assessore alla Crescita culturale, Luca Bergamo; e il Sovrintendente Capitolino ai Beni culturali, Claudio Parisi Presicce.

Si tratta di una delle aree archeologiche più importanti di Roma e fino a questo momento accessibile solo durante gli spettacoli estivi serali. Da domani, quindi, saranno così soddisfatte le innumerevoli richieste di visita arrivate sia dalle associazioni culturali che dai cittadini.

“È una grande emozione attraversare questo meraviglioso percorso, ricco di storia e di suggestione e che è stato chiuso per troppi anni – commenta la sindaca RaggiLa riapertura al pubblico dell’area archeologica dei Fori Imperiali, dopo quella recentissima del Circo Massimo, è un altro pezzo importantissimo del patrimonio storico e archeologico di Roma che viene ridato alla città e al mondo”. “Per noi l’inclusione e la partecipazione dei cittadini sono il primo strumento per il rilancio di Roma, come grande Capitale moderna e accogliente per tutti – aggiunge la prima cittadina – E voglio sottolineare l’importanza dell’assenza di barriere architettoniche lungo questo percorso. Vogliamo fare in modo che tutto il nostro patrimonio sia fruibile nel modo più vasto ed eterogeneo, senza alcuna esclusione. Il nostro intento è di adoperarci per abbattere le barriere architettoniche e, con esse, anche ostacoli e pregiudizi di natura culturale che non sono del tutto scomparsi”.




Oggi è una giornata importante per la città perché è fondamentale valorizzare il nostro patrimonio – spiega l’assessore BergamoCome lo è stato presenziare e presentare solo pochi giorni fa la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria che diventa sempre più un tassello fondamentale della crescita culturale della città. Roma è tutto questo: passato, presente e prospettive di futuro”.

L’ingresso all’area archeologica è situato in Piazza Santa Maria di Loreto, presso la Colonna Traiana. Il percorso della visita, seguendo la passerella presente nel sito, toccherà una parte del Foro di Traiano, passerà sotto via dei Fori Imperiali percorrendo le cantine delle antiche abitazioni del Quartiere Alessandrino, attraverserà il Foro di Cesare e terminerà in prossimità del Foro di Nerva, da dove si uscirà su Via dei Fori Imperiali.

Da domani 25 novembre le modalità di accesso saranno le seguenti:

– la prenotazione dovrà avvenire esclusivamente tramite il servizio Zètema 060608;

– tutti i giorni della settimana le visite saranno riservate a gruppi organizzati;

– la visita durerà un’ora;

– il biglietto di accesso all’area è di 4€ per l’intero e di 3€ per il ridotto, da pagare direttamente sul posto (resta intesa la gratuità per determinate categorie di visitatori);

– il numero massimo di persone consentito a gruppo sarà di 30.

Anche i Fori Imperiali rientrano nel progetto “Archeologia in Comune” della Sovrintendenza Capitolina che ha predisposto visite guidate gratuite per i singoli cittadini. Le visite, prenotabili allo 060608 a cura dei funzionari dell’Ufficio Fori Imperiali, saranno effettuate con un unico turno alle 11.30 il mercoledì, a partire dal 30 novembre. Il costo di accesso all’area è di 4€ per l’intero e di 3€ per il ridotto per un numero massimo di 20 persone.

Un nuovo apparato didattico illustra, dall’esterno, l’area dei Fori Imperiali. Sedici pannelli, in italiano e in inglese, dislocati lungo la recinzione esterna di Via dei Fori Imperiali, raccontano la Basilica Ulpia e il Foro di Traiano, la Via Alessandrina, il Foro di Augusto, il Foro di Nerva, il Foro della Pace e il Foro di Cesare. Su ogni pannello – sottolinea Presicceè applicato un QR-code che permette, attraverso una semplice app di lettura, di accedere al sito dei Fori Imperiali (in italiano e in inglese) dove il visitatore potrà approfondire la conoscenza dei luoghi”.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.