Anna di Niccolò Ammaniti





Immaginate una Sicilia misteriosa come un continente dimenticato, dove non c’è più elettricità e i cani selvatici ti inseguono sull’autostrada. Un virus spietato ha sterminato gli adulti e lasciato in vita i ragazzini. In questo mondo di cadaveri e oggetti inutili, i bambini giocano, combattono e amano. E ora immaginate Anna, tredici anni, e Astor, il fratellino di otto. In dote gli resta una voglia prepotente di sopravvivere e un quaderno dove la mamma ha lasciato le istruzioni per farcela.

Niccolò Ammaniti è nato a Roma.
Ha pubblicato da Mondadori Nel nome del figlio(1995), Fango (1996) e Ti prendo e ti porto via (1999).
Presso Einaudi sono usciti un suo racconto nell’antologia Gioventú cannibale (1996), i romanzi Branchie (1997), Io non ho paura (2001, 2011 e 2014), Che la festa cominci (2009, 2011, 2015), Io e te (2010), la raccolta di racconti Il momento è delicato (2012) e la raccolta di storie a fumetti Fa un po’ male (2004), sceneggiata da Daniele Brolli e disegnata da Davide Fabbri.
Nel 2014, Stile Libero ha ripubblicato Ti prendo e ti porto via e Fango. Sempre per Einaudi Stile Libero ha curato l’antologia Figuracce (2014).
Dai suoi libri sono stati tratti film di successo, di importanti registi. È pubblicato in quarantaquattro Paesi e il suo sito ufficiale è all’indirizzo www.niccoloammaniti.com.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.