Cerveteri – Proseguono i lavori alla Necropoli della Banditaccia





Ambiziosi sono i progetti che si vogliono attuare nella Necropoli della Banditaccia, che quest’anno celebra il decennale della nomina della Necropoli a “Patrimonio dell’Umanità” dall’Unesco. Il sito archeologico viene anche ricordato per le eccezionali scoperte come la Tomba dei rilievi, la Tomba dei capitelli, la Tomba delle cornici, solo per citarne alcune, e il celeberrimo Sarcofago degli sposi, ma non solo, la Banditaccia è il più alto esempio di architettura funeraria etrusca con oltre 400 tombe riportate alla luce solo nella parte recintata, con una stima approssimativa di circa 20 mila tombe al di fuori dell’area archeologica, tutte databili tra il IX e il III secolo a.C., in sei secoli di storia si possono osservare le tombe a tumulo, che sono le più antiche per poi passare a quelle a “dado”.

Quest’estate, in un’intervista rilasciata all’ANSA, Lorenzo Croci, Assessore al Turismo e allo Sviluppo sostenibile di Cerveteri ha dichiarato che: “La Banditaccia deve diventare un polo di attrazione turistica rivolto anche a tutti quelli che andando in crociera attraccano a pochi chilometri dal sito dell’Unesco, e che ne ignorano l’esistenza. Pochi lo sanno ma questo è il sito archeologico più esteso al mondo, persino più della Valle dei Re in Egitto, oggi abbiamo 65 mila visitatori l’anno – prosegue – vogliamo diventino almeno il doppio e che questo sito sia conosciuto quanto meriti.

Ovviamente si dovrà scavare per scoprire scoprire, ma soprattutto tutelare, proteggere, valorizzare. Il progetto verrà realizzato in sinergia tra Regione, Comune e Sovrintendenza dell’Etruria meridionale.
E finalmente si sta iniziando a muovere qualcosa, infatti la trasformazione del Sito Unesco della Necropoli della Banditaccia riparte e prosegue. “Sono ripresi a pieno ritmo i lavori per la realizzazione del Visitor Center o Centro di Accoglienza Turistica – ha annunciato Giuseppe Zito, Vicesindaco e Assessore ai Lavori pubblici del Comune di Cerveteri – i lavori erano infatti stati temporaneamente sospesi in attesa di una nuova ed ottima notizia da parte della Regione Lazio che ci ha autorizzati ad utilizzare delle somme risparmiate dal ribasso d’asta a favore di ulteriori opere pubbliche. Somme importanti che ci hanno consentito di arricchire il progetto originario con ulteriori opere che daranno una maggiore versatilità al Visitor Center e miglioreranno i servizi offerti”

La scorsa settimana la Regione Lazio ha autorizzato il Comune di Cerveteri a impiegare i 48.643,46 euro provenienti del ribasso d’asta applicato in fase di gara, sulla base del progetto approvato dalla Giunta Comunale. L’investimento per il Visitor Center ammonta a circa 480.000 euro, di cui 400.000 finanziati dalla Regione Lazio 80.000 dal Comune di Cerveteri.
Il nuovo progetto – ha illustrato il Vicesindaco Zito – prevede una serie di opere complementari che riguarderanno, per esempio, una diversa disposizione dei servizi igienici all’interno della struttura per renderne l’accesso indipendente. Altri interventi riguarderanno la pedonalizzazione delle aree esterne, con una migliore sistemazione dell’area esterna, dove realizzeremo anche una pavimentazione di tufo. Infine, sarà potenziata la rete fognaria in vista della realizzazione di un Punto Ristoro per la promozione dei prodotti tipici del territorio. Questa ultima opera pubblica, la cui realizzazione è stata già avviata, è finanziata con risorse proprie stanziate dall’Amministrazione comunale di Cerveteri. Siamo soddisfatti di come stanno procedendo i cantieri – prosegue – e riceviamo già riscontri molto positivi da parte dei turisti. Uno dei punti di forza è sicuramente la nuova strada di accesso, che si integra perfettamente nell’ambiente agreste della Necropoli. Grande attesa si riscontra anche per gli altri interventi oggi in corso: l’apertura di nuovi itinerari di visita, la messa in sicurezza dei percorsi, la realizzazione di un sistema di illuminazione a basso impatto visivo e il potenziamento del sistema di videosorveglianza. Altro importante e indispensabile intervento, inoltre, è l’abbattimento delle barriere architettoniche.
Nell’area della Necropoli sono oggi in cantiere investimenti per di 1,5 milioni di euro, di cui 1.350.000 euro ottenuti dall’Amministrazione comunale quale contributo regionale nell’ambito del Programma POR FESR 2007-2013, a cui si aggiungono altri 150.000 euro stanziati direttamente dall’Amministrazione.




Samantha Lombardi



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 323 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.