Colleferro – Nel nome della Resistenza con le storie di “Pitzinnos Pastores Partigianos”





Prosegue il tour di presentazioni del libro “Pitzinnos Pastores Partigianos. Eravamo insieme sbandati” scritto da Piero Cicalò, Pietro Dettori, Salvatore Muravera e Natalino Piras. A quasi due anni dalla prima pubblicazione, curata dall’Anpi di Nuoro, il libro continua a far parlare di sé, rappresentando un pezzo di ricerca importante, sia a livello Regionale che Nazionale, dato che le storie partigiane sarde erano state dimenticate dai molti e sconosciute ai più. Sabato 18 ottobre, il libro è stato presentato a Colleferro, un evento organizzato dai giovani dell’Anpi “La Staffetta”. Presenti numerosi cittadini, studenti e i rappresentanti dell’associazione contro le mafie “Libera”, l’assessore ai Servizi Sociali Paolo Giorgio Vitiello e il consigliere Pierluigi Sanna. La conferenza è stata moderata dal presidente Anpi Colleferro, Rosaria Di Biase.

Gli autori Piras e Dettori hanno ripercorso le trame del libro, raccontando di come un gruppo di ragazzi sardi tutti sui vent’anni, insieme avieri a Perugia, si ritrovarono sbandati nelle campagne dell’Alto Lazio. Non c’era più esercito e gli alleati  tedeschi erano diventati nemici. Finito il momento di sbandamento i ragazzi furono arruolati con la forza e con l’inganno in un battaglione repubblichino nazifascista. Portati in treno da Roma a Trieste, attraversarono un Paese devastato dai tedeschi, e così decisero di fuggire dalla caserma di Villa Opicina. Da soldati passarono con i partigiani del IX Corpus sloveno che combatteva in Friuli Venezia Giulia. La storia si intreccia con le vite di questi giovani, molti di loro morti in battaglia. 

“Una delle cose più gratificanti è stata vedere la partecipazione dei ragazzi del Liceo Scientifico racconta Natalino Piras – La Storia come referente, come continuità didattica, è stato il leit motiv della presentazione. E’ venuto fuori di come il Sud, se la Sardegna ha da essere considerata tale, abbia preso parte attiva alla guerra partigiana in Italia, per la Liberazione dal nazifascimo. E come fenomeno più esteo, alla Resistenza europea”. 

La giornata è proseguita con la visita dei rifugi sotterranei antiaerei di Colleferro, a cura di Renzo Rossi. Cunicoli chilometrici che fino a poco tempo fa erano conosciuti solo come fungaie, ora in parte riqualificati e resi fruibili come testimonianza degli orrori della seconda Guerra Mondiale. Ai tempi, quasi 1500 cittadini vissero lì sotto per più di un anno, nel buio totale e con livelli di umidità altissima. Il periodo della Resistenza è un argomento che continua a unire ideologicamente molti italiani, nonostante le divergenti opinioni politiche: i partigiani che combatterono per il Paese, rappresentano ancora l’essenza della libertà.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.