Il Villaggio delle Macine del Lago di Albano


Il Villaggio delle Macine del Lago di Albano




Con il progressivo abbassamento del livello delle acque del Lago di Albano, meglio conosciuto come Lago di Castel Gandolfo, nella zona dei Castelli Romani a pochissimi chilometri da Roma, sono emersi dalla sabbia numerosi resti di pali appartenenti a palafitte lignee che, in origine, erano a 15 metri di profondità, ora alcuni sono a poco più di 3 metri, altri già allo scoperto, sono risalenti alla media età del bronzo e si possono, quindi, datare intorno al XVIII – XVII secolo a.C.

Questo antico insediamento tornato alla luce e soprannominato “Villaggio delle Macine”, per la presenza di un cospicuo numero di macine (ritrovate nella sabbia) usate dai palafitticoli per lavorare il frumento, costituisce per la sua estensione il più grande sito di archeologia preistorica d’Italia.

Il Villaggio delle Macine, scoperto nel 1984

Il sito fu scoperto 1984 dopo il ritrovamento casuale di un’ascia di bronzo, da allora, le ricerche si sono protratte ininterrottamente fino al 1995 ed hanno riportato alla luce, oltre alle macine, travi, tavolati in legno, attrezzi da lavoro, oggetti in rame e ceramica tra cui brocche, tazze e soprattutto resti di pali quasi intatti che costituivano le basi di un intero villaggio che migliaia di anni prima era sospeso sull’acqua. Notevole è la rilevanza di questo ritrovamento poiché ci si è praticamente ritrovati difronte ad uno dei periodi di transizione preistorica ricco di cambiamenti culturali e sociali. L’età del bronzo, com’è noto, era contraddistinta dall’importanza che assumeva la lavorazione dei metalli, tra cui il rame, ma fu soprattutto con l’uso del bronzo che, se da un lato portò alla nascita di nuove professioni e ad una maggiore diversità sociale, dall’altro fece sorgere problemi circa la sicurezza e la salvaguardia dei luoghi più ricchi di risorse.




Sia i lavori di scavo che la stratigrafia hanno entrambi portato gli studiosi a cercare di ricostruire l’ambiente che contraddistingueva questo insediamento che, in ogni caso, hanno congetturato che, lo stesso, è stato abbandonato presumibilmente intorno al XV secolo a. C. a causa dell’innalzamento progressivo del livello delle acque del lago.

Risultati interessanti dagli studi

Lo studio degli archeozoologi sui resti fossili degli animali ha portato a risultati interessanti: si evidenzia infatti che la comunità non si limitava solo a praticare la pesca, ma allevava ovini, bovini e suini, e disponeva anche di una rilevante quantità di cacciagione. Inoltre l’analisi della stratigrafia del suolo ha messo in evidenza una diversa varietà di semi che stanno a indicare che gli abitanti di questo villaggio si cibavano anche di vari tipi di frutta tra cui fichi, more, corniole ecc., mentre dall’analisi dei pollini si è scoperto che l’albero in maggior misura presente nella zone dell’insediamento era la quercia.

L’osservazione dell’insieme, associata alla vasta estensione dell’insediamento, ha portato alla considerazione che il sito sia stato abitato stabilmente e che la comunità non praticava emigrazioni di tipo stagionale. E’ stato altresì considerato che gli uomini del Villaggio delle Macine, con il taglio indiscriminato di una notevole quantità degli alberi, si sono resi responsabili di un radicale impoverimento della flora dell’area direttamente circostante il villaggio.

I reperti al Museo Nazionale delle Navi Romane di Nemi

Oggi i vari reperti recuperati dagli archeologi sono custoditi nel Museo Nazionale delle Navi Romane di Nemi, mentre, sulla riva settentrionale del Lago di Albano restano svariati resti di pali palafitticoli, sporgenti e ben visibili, indubbiamente poco o per nulla protetti da una “recinzione” posta intorno all’area dove dovrebbe essere addirittura  interdetto l’accesso. Di materiale deperibile (legno) oltre che essere esposti alle intemperie e al sole, ma soprattutto ai vandali che non si fanno scrupolo di dargli fuoco, rischiano di essere distrutti in breve tempo sia dall’azione dell’aria che da quella dell’uomo. Pur essendo di competenza della Sovrintendenza dei Beni Archeologici del Lazio anche questo sito, come molti altri versa nel più desolato degrado. I fondi messi a disposizione per la loro tutela non sono sufficienti e quei pochi non servono a molto se non a tamponare una situazione peraltro già grave.

Durante il mio sopralluogo ho potuto verificare che il sito, anche se dovrebbe essere interessato da scavi archeologici sistematici (vista la presenza del cartello SCAVI), si trova a tutt’oggi sommerso da un vasto canneto e da erbacce, nonostante sia uno degli insediamenti preistorici più importanti d’Italia, continua a versare in uno stato di totale abbandono e degrado.

 



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 322 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.