L’Abbazia di Mont Saint Michel





Mont Saint Michel, è un piccolo isolotto (circa 950 metri di circonferenza e una superficie approssimativa di 7 ha) situato presso la costa settentrionale della Francia e, che si innalza superbo, come una grande torre, al centro di un’infinita baia, che ne prende il nome, e che si apre sull’Oceano Atlantico.

Collegato alla terraferma da una strada rialzata, vi si accede, unicamente, attraverso la Porte de L’Avancée che è il solo passaggio aperto nelle mura cinquecentesche che circondano l’isolotto e dove sono ancora presenti: sulla sinistra l’antico corpo di guardia e sulla destra due cannoni abbandonati dagli inglesi alla fine della Guerra dei Cento Anni. Dentro le mura venne creata una piccola città costituita, per lo più, da caratteristiche case normanne, molto ben conservate e che contengono dei piccoli musei. E’ possibile raggiungere l’Abbazia per mezzo dell’unica strada che circonda il monte e che sale lungo il ripido pendio.

L’Abbazia di Mont Saint Michel ha, come quasi tutti gli antichi luoghi di culto, una storia leggendaria. Sembra sia stato lo stesso San Michele a scegliere il luogo dove costruire la sua Chiesa: infatti, nel 709, l’Arcangelo sarebbe apparso in sogno al vescovo di Avranches, Aubert, chiedendogli di edificare sul monte una Chiesa a lui intitolata. Il vescovo ignorò tale richiesta così, San Michele, contrariato, per comprovare la sua potenza, gli toccò la testa con un dito provocandogli una profonda bruciatura, che si dice arrivò fino all’osso. Il vescovo, a quel punto, riconoscendo il potere dell’Arcangelo fece costruire, nella parte superiore dell’isola, un piccolo e semplice oratorio, di stile romanico, dov’è tutt’ora conservato il suo cranio con un foro nell’osso.

Nel 966, su richiesta del Duca di Normandia, una comunità di Benedettini si stabilì sull’isolotto e intorno all’anno 1000, addossata all’oratorio, fu edificata la prima chiesa pre-romanica. Nell’XI secolo seguì la fondazione dell’ abbazia, in stile romanico, successivamente nel tempo furono apportate alla stessa diverse trasformazioni fino a che, nel XIII secolo, (grazie a una donazione del re di Francia Filippo Augusto), si arrivò alla realizzazione della maestosa abbazia in un singolare stile gotico, slanciato verso l’alto e completata da la Marveille, due edifici a tre piani, con il chiostro circondato da portici abbelliti con 220 sottili colonne di granito rosa disposte in doppia fila. Con il XIV e XV secolo arrivò la Guerra dei Cento Anni: la Francia si piegò sotto l’attacco di Enrico V d’Inghilterra. Mont Saint Michel venne accerchiata ma fu l’unico bastione di tutta la Francia settentrionale a non cadere nelle mani dell’invasore. A seguito di queste vicende furono innalzate ulteriori fortificazioni, molto più imponenti di quelle già esistenti, lungo tutto il perimetro dell’isola.




L’abbazia benedettina, rimaneggiata fino al XVIII secolo, raggruppa in se i diversi stili con cui, nel tempo è stata rimaneggiata, tra cui: il carolingio, il romanico, il gotico e classico. Dal 1897 sulla sommità alla chiesa domina la statua di bronzo di San Michele Arcangelo nell’ atto di sconfiggere il dragone. Nel corso dei secoli, l’abbazia venne usata, in un primo momento, come centro studi, poi nel periodo della Rivoluzione e poi dell’Impero come prigione.

Ma Mont Saint Michel è soprattutto nota per le più grandi ed impressionanti maree che ne tratteggiano e ne trasformano ogni volta lo scenario paesaggistico. Le maree, che si ripetono con estrema rapidità, si alternano almeno ogni sei ore l’una dall’altra e sono regolate dalle posizioni e dagli allineamenti che assumono rispettivamente, tra loro,: la terra, la luna e il sole. Nel caso delle maree più intense il mare si alza fino a 14 metri tanto da circondare completamente, almeno per due ore, la piccola isola, ad eccezione della piccola strada sopraelevata. In questo caso lo spettacolare scenario che compare dà l’impressione che l’abbazia sorga direttamente dalle acque. Mentre nel caso delle basse maree il mare si ritira anche di 15 km dalla terraferma scoprendo il bianco fondo sabbioso dell’isola, che a volte, in alcuni punti, diventa come vere e proprie sabbie mobili.

Oggi, Mont Saint Michel, simbolo della Normandia, grazie al suo eccezionale complesso architettonico e alle particolari maree, è stato riconosciuto dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

 

[flickr_set id=”72157632094619483″]



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 335 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.