Fréjus, l’antica Forum Julii





Fréjus, situata ad Est del Dipartimento del Var, nel Sud della Francia, è molto vicina alle Alpi Marittime e sorge a poco più di 1 Km dalla costa su una collina tra i fiumi Argens e Reyran.

Giulio Cesare dopo aver conquistato e distrutto la città e il porto di Massalia (Marsiglia), principale emporion dei Focei, doveva fornire alla Gallia Narbonensis (provincia Augustea) un altro porto che fosse romano a tutti gli effetti. Nel 49 a.C., dopo aver deviato il corso del fiume Argens, Giulio Cesare fondò l’antica Forum Julii, una colonia portuale che prese il suo nome. Lo sviluppo della città è legato al nome di Ottaviano, futuro imperatore Augusto, che, dovendosi dotare di una flotta per combattere contro Sesto Pompeo, erede di Pompeo Magno, la trasformò in un’importante porto militare con un ricco arsenale (39 a.C.), in cui vennero costruite anche le veloci e agili galere destinate alla battaglia di Azio (31 a.C.) contro le pesanti navi di Cleopatra e Antonio. Forum Julii fu il primo porto militare del Mediterraneo Romano.

La città diventò, nel I secolo a.C., Colonia Octavanorum quando l’imperatore decise di stabilirvi un’importante Colonia di Veterani dell’VIII Legione, la stessa si sviluppò rapidamente e raggiunse ben presto 40.000 abitanti; un notevole sviluppò lo ebbe anche come mercato e punto di sosta sulla strada per la Spagna prolungamento in Gallia della Via Aurelia.

Il porto, partendo dalla laguna, venne realizzato su una superficie di circa 22 ettari, le cui banchine avevano una lunghezza complessiva di 2 Km. Il porto comunicava con il mare tramite un canale largo più o meno 30 metri e lungo 500 metri (ai tempi dei Romani il mare era indubbiamente più vicino), ed era protetto dal maestrale grazie ad un muro. Per la difesa dello stesso, la città fu cinta da bastioni su cui si aprivano quattro porte, in corrispondenza del cardo e del decumano.




L’entrata del porto, larga 80 metri, era controllata da due grandi torri identiche collegate tra loro da una catena che di notte veniva tesa e di giorno rimaneva sommersa sul fondo del mare. Oggi è ancora visibile una sola torre denominata “la Lanterna di Augusto” che si innalza alla fine del molo meridionale.

La città di Fréjus conserva ancora i resti di altri monumenti romani tra cui: un anfiteatro, un teatro e un acquedotto.

Notevoli sono i resti dell’anfiteatro costruito alla fine del I secolo a.C., dalla forma ellittica, lungo 114 metri e largo 82 metri era notevolmente grande se si considera l’importanza marginale che aveva la città circa 2.000 anni fa. Nell’anfiteatro, che era in grado di contenere almeno 10.000 persone, vi si svolgevano probabilmente giochi nautici, combattimenti gladiatorii e venationes. Ricostruita, la parte interna, rispettando principi di sobrietà ed economia, questa arena accoglie oggi spettacoli e corride.

Pochi sono invece i resti del teatro romano, la data della sua costruzione potrebbe  risalire al I secolo d. C. Le gradinate sono completamente sparite ma, sono ancora riconoscibili: il coro, la cavea e le strutture portanti della scena. Oggi, una struttura metallica è stata sovrapposta alle rovine antiche per permettere, in estate, l’esecuzione di spettacoli in quest’area che già in epoca romana era preposta allo stesso scopo.

Imponenti sono invece i resti dell’acquedotto costruito poco dopo la battaglia di Azio (31 a.C.). Per alimentare Forum Julii con acqua potabile i Romani decisero di captare, ai piedi del promontorio di Mons, a 30 Km dalla città, le sorgenti di Neisson che si gettano nelle gole della Siagnole. L’acquedotto lungo circa 40 Km permetteva la distribuzione dell’acqua potabile fino al punto più altro della città. L’impresa fu veramente notevole considerando i pesanti lavori per attraversare il massiccio dell’Esterel caratterizzato da rocce e alte montagne.

Resti di un arco romano, che faceva parte del frigidarium, li ritroviamo nella Port d’Orée, questo arco è ciò che rimane di una sala delle terme monumentali che si trovavano su un lato del porto. Nella stessa zona furono ritrovati, nel 1986, i resti di una darsena e di un ninfeo, della darsena è rimasta solo una torre, come pure la Porte des Gaules: a Ovest della città antica che si apre sul decumano massimo, questa porta, a forma di mezza luna, conserva ancora una delle due torri.

A Forum Julii furono edificate anche una palestra e un ospedale, i cui resti sono ancora visibili a Sud/Ovest della città. I soldati, i marinai e gli abitanti del luogo potevano entrare liberamente all’anfiteatro, al teatro e alle terme.

Il Battistero, di epoca cristiana, è l’unico presente in Francia separato dalla chiesa cui è annesso. Costruito nel IV-V secolo d.C. presenta una pianta quadrata con fonte battesimale ottagonale ad immersione, secondo il rito del sacramento originale. Le colonne di granito nero, sormontate da capitelli marmorei, del II e IV secolo d.C., probabilmente recuperati dall’antica città, sostengono una cupola ricostruita nel XIX secolo.

Durante i lunghi anni della pax romana, Forum Julii si trasformò ben presto in porto commerciale, e mantenne una grande attività fino al IV secolo d.C.. Il porto romano e, di conseguenza la città, ormai trascurati, decaddero progressivamente.

Agli inizi del X secolo i Saraceni distrussero la città che venne ricostruita nel 990 dal Vescovo Ricolfo.

 

[flickr_set id=”72157632101033978″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.