Obelisco Matteiano a Villa Celimontana





 

L’obelisco che si trova nei giardini di Villa Celimontana al Celio è il primo obelisco ad essere stato rinnalzato in epoca moderna.
Venne eretto, per la prima volta, da Ramses II ad Heliopolis, in coppia con l’obelisco Macuteo. Tra il XVI e il XVII secolo le descrizioni dell’area riportano che, nella zona di S. Macuto, molti frammenti dell’obelisco giacevano lungo la strada o erano inseriti nelle murature delle case vicine.

Nel 1300 la cuspide venne portata sul Campidoglio e posta su una base rettangolare, con quattro astragali, vicino l’ingresso della Chiesa di S. Maria in Aracoeli.
Durante il pontificato di Gregorio XII, ritroviamo l’obelisco per la prima volta nelle fonti letterarie di A. di Pietro dello Sciavo. Dopo essere stato abbattuto, intorno al 1535, rimase per molto tempo a terra.
Poiché i progetti per il suo rinnalzamento non furono mai portati a termine, nel 1582, venne donato dal Senato e dal popolo di Roma a Ciriaco Mattei che lo eresse nel giardino della sua villa sul Colle del Celio e non su una piazza pubblica dove era solito fossero eretti.
L’obelisco fu posto al centro dell’arena dell’ippodromo su un basamento rettangolare e fu redatta un’iscrizione identica su due lati. Solo la parte superiore, alta 2.68 metri, era originale e recava il nome di Ramses II, l’altra parte moderna fu aggiunta solo per allungarlo.
Gli eredi del Mattei, nel tempo, non si presero molta cura né della villa né dell’obelisco tanto che, fino al 1800, il deterioramento fu inevitabile.
Nel 1812 Manuel de Godoy, principe de La Paz, prese possesso della villa; appassionato di archeologia riportò in auge il monolito trasferendolo nel Boschetto delle Muse.
Fu innalzato nuovamente nel 1817 e nuove iscrizioni sostituirono le vecchie.

 




 

[flickr_set id=”72157632096212674″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.