Obelisco Liberiano all’Esquilino





 

L’Obelisco che si erge nella Piazza dell’Esquilino è alto 14,75 metri con il suo basamento e la croce, posta alla sommità, raggiunge i 25,53 metri. Realizzato in granito rosso è uno degli obelischi anepigrafi.
Poche sono le notizie che gli storici forniscono su questo monumento e si presume, che anticamente, doveva ornare l’ingresso del Mausoleo di Augusto insieme a quello, che oggi, ammiriamo in Piazza del Quirinale. E’ però possibile che, la coppia di obelischi, sia stata eretta quando il Mausoleo stesso non fu più usato come tomba. Probabilmente fu fatto trasportare a Roma da Claudio.
Già ai tempi dei Romani la punta piramidale venne tagliata, forse, per ospitare un simbolo diverso di cui però non si è trovata traccia.
Gli obelischi erano ancora in piedi, quando Ammiano li descrive, nel IV secolo. Crollarono poi nel Medioevo come quasi tutti gli altri, la loro posizione è confermata dalle varie attestazioni di ricercatori e dalle cronache moderne. Solo alla fine del 1400 gli obelischi vengono menzionati dal Rucellai in un commentario di una topografia, nella descrizione, gli stessi giacevano frammentati intorno al Mausoleo.
Nel 1519, Leone X, fece solo recuperare le parti dell’obelisco occidentale facendoli collocare in Via di Ripetta. Anche se, negli anni successivi, vennero fatti dei tentativi per spostare l’obelisco, nel 1587, fu necessario l’intervento di Sisto V che fece rimuovere e trasportare i tre tronconi dell’obelisco nella Piazza di S. Maria Maggiore dove era previsto il suo rinnalzamento.
Il lavoro fu affidato nuovamente al Fontana che, sul capo del monolito, pose lo stemma di casa Peretti (monti e stella) e la croce. La base dell’obelisco fu arricchita da varie iscrizioni.

 

 




[flickr_set id=”72157632096125874″]



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.