ANGUILLARA – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LE PAROLE SALVATE”





COMUNICATO STAMPA

La Biodiversità nel Linguaggio
Domenica 27 Giugno 2010 Ore 11 – Anguillara
Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” – Torrione Orsini – Centro storico

Presentazione del libro
“Le parole salvate” Dialetto e poesia nella Provincia di Roma alla presenza degli autori Vincenzo Luciani e Riccardo Faiella

Dai soprannomi ai toponimi, dal teatro dialettale al gergo popolare e contadino. Iniziativa nell’ambito di Giorniverdi estate 2010 del Parco di Bracciano-Martignano




Cafurchio, capogatto, mancuso. Vocaboli dialettali anguillarini che rischiano l’oblio. Ed ancora detti come “Vòi vedè li fiji poverelli? Pescator sull’onda e cacciator d’uccelli”. Soprannomi come “Brutticarzò” e “Cacatigna” Pietanze come la “Cicerchiata” illustrata nei “Sonetti dorci” di Maria Teresa Constantini. Giochi d’un tempo come “esce l’orso” e racconti come quelli messi in scena dalla compagnia L’Acquario in “Stracci bianchi e neri dell’Anguillara di ieri”.
Sono alcune delle storie, dei detti e delle vicenda unite da un massimo comune denominatore come il dialetto citate ne “Le parole salvate” un libro scritto a quattro mani da Vincenzo Luciani e Riccardo Faiella che sarà presentato domenica 27 giugno alle ore 11 al Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori”.
Una iniziativa organizzata dall’Associazione Culturale Sabate nell’ambito del calendario di Giorniverdi Estate 2010 del Parco di Bracciano-Martignano.
Il libro “Le parole salvate – Dialetto e poesia nella Provincia di Roma” (Edizione Cofine) esplora, raccoglie e preserva tutto ciò che ancora di dialettale esiste in un area vasta che comprende 28 comuni del Litorale Nord, della Tuscia Romana e della Valle del Tevere e due Municipi romani e costituisce una sorta di ricognizione in extremis, prima che questo patrimonio vada perduto, degli attori, degli autori e degli appassionati che attorno al dialetto hanno composto, cantato o scritto.
Ne esce un panorama che restituisce territori antichi, intrisi di civiltà contadina e non ancora corrotti dal flusso della deurbanizzazione in atto della capitale.
“La sensazione provata nel compiere il nostro lavoro – scrivono i due autori che presenteranno direttamente il libro il 27 giugno – è quella di chi è impegnato in un’opera di salvataggio di frammenti, di tessere scampate ad una distruzione sempre più devastante”.
“Non si tratta come vorrebbero alcune proposte leghiste di imporre il dialetto nelle scuole – commenta Graziarosa Villani, presidente dell’Associazione Culturale Sabate – ma di esaltare le diversità linguistiche e dialettali che identificano un territorio in relazione all’economia locale che fu. In gran parte incentrata attorno al lago la “lingua” dei paesi di Bracciano, Anguillara e Trevignano, legata invece molto all’attività mineraria quella allumierasca che continua a vantare un nutrito stuolo di poeti a braccio, cantori in ottava rima studiati a fondo nel volume “I poeti contadini” di Giovanni Kezich. Un modo nell’Anno Europeo della Biodiversità – conclude Villani – per lavorare anche a preservare la diversità linguistica”. 
In occasione della presentazione si terrà un breve saggio teatrale a cura degli attori della Compagnia L’Acquario. Ed in chiusura dolcetti preparati da Maria Teresa Costantini, autrice dei “Sonetti dorci” accompagnati da vino locale.
La partecipazione all’incontro è libera.

Per informazioni: Associazione Cultura Sabate 360/805841
associazionesabate@tiscali.it   

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/2040/” title=”2040″]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.