“Nati per leggere”: programma di lettura precoce alle elementari di Oriolo





Scuole finite e pagelle consegnate. Ora tutti al mare a riposarsi e divertirsi, anche chi è stato meno bravo. La parola chiave per le vacanze, oltre a tanto sano gioco, però, è: lettura. In un incontro di conclusione anno scolastico, soprattutto per i genitori, la dirigente e i docenti della scuola primaria di Oriolo Romano hanno espresso il desiderio di poter organizzare un calendario di lettura a voce alta una volta a settimana a partecipazione libera dei bambini. Un’ulteriore tappa di un percorso iniziato col progetto ministeriale “Amico libro”, che si spera di replicare il prossimo anno, da incrementare, se possibile, con l’adesione all’iniziativa sulla lettura precoce e condivisa “Nati per leggere”, effettuata da più di 15 anni in America e che sempre più diffusa in Italia.
Aumento delle capacità intellettive; precoce sviluppo del linguaggio e di un vocabolario più ricco; maggiore capacità di un uso creativo, sia orale che scritto, dello stesso; maggiore profondità emozionale; possibilità di diventare persone più versatili con molteplici interessi; avere una più spiccata capacità di crearsi immagini mentali; miglior rendimento scolastico; capacità di muoversi con più sicurezza e autostima; prolungamento dei tempi d’attenzione. Questi i principali vantaggi nei ragazzi derivanti da una lettura precoce, hanno spiegato, durante l’incontro, la dirigente, Clara Vittori, e il dott. Luca La Mesa, pediatra.
La prima, poi, ha sottolineato come diffondere tale tipo di lettura possa contribuire ad “abbattere” quel 66% di italiani in difficoltà in tema di competenze di base della lingua stessa, di cui parla Tullio De Mauro nel suo libro “La cultura degli italiani”. Mentre il dott. La Mesa ha insistito soprattuto sulla centralità della condivisione, dell’empatia durante la lettura.
«La capacità del bimbo di vedere le espressioni della mamma e leggerle nel libro è importante per l’apprendimento perché il linguaggio non è solo verbale», ha precisato ricordando come la teoria dei neuroni a specchio abbia mostrato che, a livello celebrale, nel bambino, sentire un suono di una parola stimola i neuroni motori che la producono. Per non parlare dell’esperienza del modeling. Infatti, ha aggiunto la dirigente scolastica, i piccoli che vedono i genitori leggere giornali hanno tre volte di più degli altri la probabilità di diventare lettori.
Fondamentale, poi, è introdurre una sorta di “rituale” per il momento della lettura: quando, dove, come e cosa richiede il bambino. Insomma creare l’atmosfera giusta per avvicinarlo con piacere alla fruizione di un libro. A tale proposito la docente Mariagrazia Garganti ha ricordato come qui ad Oriolo la lettura a voce alta si tenesse solo dopo la recitazione di una filastrocca. E non è mai troppo presto, precisa il dott. La Mesa: già a sei mesi nella sala d’attesa del pediatra può essere l’occasione giusta. L’importante è affrontare insieme al piccolo le emozioni che il testo gli suscita. Così egli diventerà un lettore autonomo e verrà valorizzata la libertà di scelta che solo un libro può dare, neppure la televisione.
In conclusione, Clara Vittori ha insistito sull’importanza di puntare di più sulle biblioteche, fonte enorme di cultura. E l’assessore alla Cultura di Oriolo ha promesso che l’Amministrazione farà il massimo per quella del paese.
Cornice dell’incontro una mostra di libri per bambini, coi lavori degli alunni e un elenco per eventuali acquisti per l’estate.  

Barbara Conti

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/282/” title=”282″]





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.