Allumiere: domenica la conferenza-spettacolo “Le cave di allume”





Domenica 31 Maggio alle ore 18:30 termina con il terzo appuntamento il ciclo di conferenze-spettacolo ideate e dirette  dall’attore-regista Agostino De Angelis nel Comune di Allumiere presso la Sala Nobile del Palazzo Camerale.
Il titolo di questo terzo incontro sarà: “Le Cave di Allume: i loro Minatori e le Vie Commerciali”. L’argomento trattato è di notevole interesse per il territorio di Allumiere, poiché la scoperta dell’allume nei territori dei Monti della Tolfa da parte di Giovanni Da Castro, mercante di stoffe, ha dato vita alla storia di un territorio e di un paese che per molti secoli è stato al centro dei commerci nel Mediterraneo e nel Nord Europa, grazie allo sviluppo economico incentrato attorno al prezioso minerale. Sul finire dell’800 Antonietta Klitsche De La Grange scrive un romanzo “Il Cinghiale ed il Minatore”, nel quale narra le vicende che fanno da scenario alla scoperta dell’allume e alla nascita di Allumiere, avvenuta nei primi del ‘500. Con Giovanni Da Castro si aprì un periodo fiorente per questo territorio, grazie anche all’appoggio dato dallo Stato Pontificio e dai diversi Papi che avevano a cuore l’attività mineraria, tanto da incentrare tutti i commerci del mondo cristiano sull’allume estratto nei territori della Reverenda Camera Apostolica. Nuocere infatti in quel periodo al commercio pontificale era divenuto peccato difficile da assolvere. L’attività mineraria e commerciale dell’allume continuò a dare notevoli utili nel 1500 grazie al vero fondatore di Allumiere, il celebre banchiere senese Agostino Chigi. Lo stesso riorganizzò e rimodernò il sistema estrattivo e tutto ciò che dipendeva da esso. In questo contesto vi fu un notevole flusso migratorio di persone provenienti da diverse parti d’Italia, come il territorio lombardo-ticinese, ligure, umbro, tosco-emiliano e addirittura da fuori il territorio italiano come prigionieri di guerra dello Stato Pontificio. Molti lavoratori rimasero e si insediarono dando vita allo sviluppo demografico della nascente cittadina di Allumiere. Con la morte del Chigi , nel 1520, il piccolo centro di Allumiere e tutta l’attività commerciale ebbe un arresto parziale ma presto si riprese grazie ad altri imprenditori, tanto che nel XVI sec. si ebbe la più forte produzione di allume. Nella seconda metà del ‘600 la produzione subì nuovamente un forte calo a causa della concorrenza di miniere scoperte in Inghilterra e Spagna e al mancato rispetto del monopolio che la Chiesa aveva istituito. Le cave però iniziarono ad esaurirsi e il legname scarseggiava. Nel XVIII sec. la produzione mineraria si riprese in parte, ma alla fine del sec. il francese Chaptal riesce a fabbricare l’allume artificiale e così nel primo decennio del 1800 tale prodotto provocò la crisi per tutta l’industria estrattiva. La relatrice in questa conferenza-spettacolo sarà la dott.ssa Violetta Menichini, geologo, che entrerà nel vivo della materia illustrando la parte tecnica geologica del territorio e del minerale allunite. Il tutto sarà supportato con letture tratte dai testi scientifici e letterari da parte di attori e musicisti diretti dall’attore-regista Agostino De Angelis.

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/162/” title=”162″]






Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.