Nestor, Verrelli: investimento sulla cultura crea valore aggiunto





“Impossibilitato a digerire l’inaugurazione del Parco Matusa, contro la cui realizzazione, nei mesi scorsi, Stefano Pizzutelli si era scagliato più volte (forse dispiaciuto del fatto che l’area avrebbe accolto, al posto di 130.000 metri cubi di cemento, due ettari mezzo di verde e strutture attrezzate), oggi il consigliere di minoranza scrive una lunga requisitoria contro il teatro comunale Nestor, acquistato, nel corso della prima consiliatura, dall’amministrazione Ottaviani – ha dichiarato il consigliere comunale di maggioranza Sergio Verrelli – Un politico e un professionista di lungo corso come lui, già peraltro presidente del collegio dei revisori dei conti del Comune, fa ampio sfoggio di numeri nel comunicato per sostenere la propria idea: la soluzione migliore per la città di Frosinone, per lui, sarebbe stata di appoggiare il progetto del teatro lirico (e non di prosa) che invece ha visto solo la posa di un’opera di un’unica pietra, resa sacra dalla presenza di Gigi Proietti, accostato alla figura di Mosè. Il finanziamento regionale, infatti, copriva solo 5 degli 11 milioni di euro necessari, peraltro per un settore, quello della lirica, che in Italia vede un’unica realtà autosufficiente, quella del Teatro alla Scala di Milano, con la quale anche il consigliere Stefano Pizzutelli avrebbe qualche evidente difficoltà a confrontarsi.

Altri numeri, di ben altra sostanza, che posso citare e che testimoniano la validità dell’offerta culturale dell’amministrazione Ottaviani, riguardano il successo che ha sempre accompagnato i cartelloni teatrali realizzati da Comune e Atcl. Nonostante il consigliere Pizzutelli definisca la città “francamente morente”, il capoluogo e i frusinati amano la cultura, amano partecipare a ogni iniziativa che promuova la crescita culturale e che costituisca, quindi, un elemento di identità e di coesione sociale. Senza dimenticare, inoltre, che i prezzi della nuova stagione teatrale, a parità di spettacoli e con lo stesso cartellone attualmente in programmazione nei teatri storici di Roma e di Napoli, sono ridotti di oltre il 70%, grazie al fatto che, essendo di proprietà comunale, il teatro Nestor permette una riduzione notevole, sia per gli abbonamenti che per i singoli biglietti. In questi anni, il palco del capoluogo è stato calcato da artisti de calibro di Luigi de Filippo, Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni; Sabrina Ferilli, Maurizio Micheli e Pino Quartullo, Serena Autieri, Giorgio Albertazzi, Massimo Dapporto, Giuliana De Sio, Alessandro Haber, Alessio Boni, Luca De Filippo, Anna Galiena, Lorella Cuccarini, Silvio Orlando; persino nella conferenza stampa di presentazione della stagione appena iniziata, Tiziana Foschi e Nicola Pistoia, due attori abituati a riempire le “piazze” di tutta Italia, hanno rivolto parole di ammirazione per le due stagioni teatrali e per il pubblico di Frosinone, sempre attento, partecipe, numerosissimo. Sono d’accordo, tuttavia – ha concluso Verrelli – con il consigliere Pizzutelli, quando identifica nel teatro il punto d’incontro del centro storico. Infatti, l’amministrazione Ottaviani sta concludendo l’iter per il finanziamento del secondo teatro comunale, il Delle Vittorie, che sarà a breve oggetto di lavori di riqualificazione, con la possibilità di ospitare corsi di scenografia e di allestimenti, oltre che vere e proprie scuole di teatro, sotto la direzione e la gestione didattica dell’Accademia di Belle Arti. È la dimostrazione, questa, di come l’investimento sulla cultura crei valore aggiunto, come moltiplicatore di energie sane per l’intera società e di promozione del territorio”.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.