Felici e Contenti di Gianni Rodari





FESTAROMANA è lieta di proporre un nuovo modo di godere del piacere della
lettura, per grandi, piccini e famiglie: tutti insieme all’ Apollo11 domenica 11
novembre alle ore 11 per ascoltare la lettura di fiabe, poesie e filastrocche di
cielo e di terra di Gianni Rodari , teorico del genere fiabesco, pedagogo e
straordinario creatore di racconti. Da un’idea di Daniela Mazzoli e Raffaella
Lebboroni nascono le matinée dedicate ai bambini e alle famiglie: letture di
fiabe cui diamo il nome FELICI E CONTENTI .
Domenica 11 saranno letture dedicate a un genio della letteratura italiana,
pedagogo e giornalista, che è considerato il maggiore favolista del Novecento.
Compose filastrocche, poesie, favole e romanzi. Alcuni titoli: Il romanzo di
Cipollino , Gelsomino nel paese dei bugiardi , La torta in cielo , C’era due volte il
barone Lamberto e Filastrocche in cielo e in terra … e molte altre ancora. Nel
1970 ricevette il premio Andersen, il massimo riconoscimento internazionale
nell’ambito della letteratura per l’infanzia, che lo rese noto in tutto il mondo.
A leggere i brani di Rodari personaggi noti e meno noti ma tutti sicuramente
appassionati.
All’Apollo 11 dal 2014 è stata ‘brevettata’ una formula per serate letterarie che
un po’ scherzosamente ha ricevuto il nome di Feste romane e nascono da
un’idea di Gianfranco Anzini . Si tratta di serate coinvolgenti, spesso molto
divertenti, in cui uno scrittore viene festeggiato con la lettura di brani tratti dai
suoi libri. Protagonisti sono coloro che amano l’autore “festeggiato” e che lo
celebrano semplicemente leggendolo. Spesso l’autore protagonista è presente
alla Festa e delizia il pubblico leggendo se stesso o altri scrittori che sono stati
significativi per la sua scrittura o nella sua vita personale: essendo il
festeggiato, può scegliere con grande libertà!
In queste serate, scambiando con gli altri solo cose profondamente amate, a
poco a poco si crea il clima intenso di una festa “vera”, cioè un momento di​
dono e di piacere reciproco che non a caso viene definito godimento
pubblico letterario .
La prima “festa romana” fu organizzata nel 2014. Lo scrittore festeggiato fu
Ugo Cornia, e a seguire altre feste sono state fatte per Stefano Benni, Ermanno
Cavazzoni, Giuliano Scabia, Paolo Nori, Patrizia Cavalli, Carlo Bordini, Fabio
Genovesi, Simone Lenzi, Edoardo Albinati, Gianni Celati, Michele Mari. Alcune
feste romane “straordinarie”, feste
cioè dedicate a un autore che non c’è più, sono stata dedicata a Luigi Malerba e
Giorgio Manganelli, Italo Calvino. Raffaello Baldini, Ennio Flaiano, Angelo Maria
Ripellino.
Lettori illustri venuti a festeggiare altri scrittori negli anni ne abbiamo avuti
molti. Col rischio di fare torto a qualcuno ricordiamo alcuni tra gli scrittori–
Stefano Benni,
Ugo Cornia, Ermanno Cavazzoni, Tommaso Pincio, Daniele Benati, Lorenzo
Pavolini, Paolo Morelli; nonché molti personaggi dello spettacolo o della critica
letteraria: Manuela Kustermann, Luigi Lo Cascio, Piera Degli Esposti, Roberto
Citran, Francesco Bruni, Paolo Bonacelli.
APOLLO 11
All’Esquilino, rione del centro storico a Roma, c’è l’Istituto tecnico industriale statale
Galileo Galilei, tra le più antiche scuole superiori di formazione tecnico-industriale della
Capitale e d’Italia: qui, per esempio, Marcello Mastroianni si diplomò perito edile nel
1943, mentre il cantante Lucio Battisti vi divenne perito elettrico nel 1962.
L’edificio, dal 2000, ospita in uno in una delle aule rimaste da decenni abbandonate a
seguito di un incendio, l’Associazione Apollo 11, che deve il suo nome alla battaglia
con cui convinse il Comune di Roma nel 2003 ad acquistare lo storico Cinema Apollo
che stava per essere trasformato in Sala Bingo. Il Cinema , dopo essere stato
acquistato dal Comune, è rimasto per tutti questi anni inutilizzato e in attesa di
ristrutturazione.
Nel frattempo l’associazione Apollo 11, fondata e presieduta da Agostino Ferrente, a
proprie spese e a più riprese, anche grazie a progetti finanziati da prestigiose
fondazioni, ha ristrutturato lo spazio abbandonato trasformandolo in uno dei centri
culturali più attivi della Capitale con una programmazione autofinanziata attiva 7
giorni su 7.
Apollo 11 nel tempo è diventato un rifugio del miglior cinema indipendente
internazionale , proiettato rigorosamente in lingua originale con sottotitoli italiani,
oltre che un punto di riferimento degli scrittori grazie a rassegne come Festa romana
e ad eventi musicali (ricordiamo che l’Apollo 11 ha creato L’Orchestra di Piazza
Vittorio ). Insomma, un centro aggregatore di istanze socio-culturali.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.