Nasce il Museo Navigante: la Calabria tra i protagonisti


Nasce il Museo Navigante: la Calabria tra i protagonisti




La Calabria è entrata a far parte di una nuova iniziativa, chiamata Museo Navigante, promossa da importanti istituzioni a livello nazionale che, nel corso degli anni, hanno messo a fuoco principi e valori con finalità legate allo sviluppo e al rispetto dell’ambiente marino, diventando l’anima di un “sistema mare” volto a valorizzare tutto ciò che ne concerne, anche attraverso la collaborazione con realtà turistiche, culturali, istituzionali ed economiche.
Stiamo parlando del Mu Ma, Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni, (che comprende a sua volta tre realtà locali come la Galata Museo del Mare, la Commenda di Prè ed il Museo Navale di Pegli), del Museo della Marineria di Cesenatico, dell’Associazione La Nave di Carta della Spezia, e dell’AMMM, Associazione Musei Marittimi del Mediterraneo, che riunisce musei pubblici e privati che valorizzano il patrimonio culturale marittimo nazionale.

Museo Navigante, iniziativa che coinvolge il Polo Museale della Calabria

L’iniziativa Museo Navigante coinvolge ora anche il Polo Museale della Calabria, diretto dalla Dottoressa Angela Acordon, rappresentato dal Museo Archeologico dell’antica Kaulon di Monasterace (Reggio Calabria), la cui responsabile è Rossella Agostino, e dal Museo Archeologico Nazionale di Capo Collona (Crotone), diretto da Gregorio Aversa.
Dallo scorso mese di gennaio, con l’avvio dell’Anno del Patrimonio Culturale Europeo, il Museo Navigante, quale prima iniziativa itinerante per la promozione dei Musei del mare e della marineria d’Italia, è salpato a bordo della goletta Oloferne, con rotte dall’Adriatico al Tirreno. Attraverso tappe in molti località costiere, mira a far conoscere e valorizzare il patrimonio culturale conservato nei musei e nei presidi marinari, sino alla tappa finale a Sète, in Francia, che ospiterà il Museo Navigante in rappresentanza dei musei italiani, in occasione della manifestazione Escale à Sète, dal 27 marzo al 2 aprile.

Conosciamo meglio le due realtà che rappresentano il Polo Museale della Calabria, a partire dal Museo Archeologico dell’antica Kaulon: illustra la storia della colonia magno-greca di Kaulonia dall’età della sua fondazione, ad opera dei crotoniati, fino a quella ellenistico-romana, e ospita anche reperti subacquei, tra cui ancore e resti di colonne, lavorate da aree vicine al Museo stesso, che ha sede a poca distanza dalla costa nei pressi di Punta Stilo, nella zona del Faro.
Come precisa la direttrice, il Museo conserva, fra le sue collezioni principali, rocchi di colonne in marmo, rinvenute nelle vicine acque dell’antica città di Kaulonia; una notevole collezione numismatica; il tetto del Tempio del Colle della Passoliera, di età greca, dalla ricca e caratteristica policromia; ed alcuni manufatti bronzei particolarmente significativi, tra cui elementi di armature e specchi.

Museo Archeologico Nazionale di Capo Collona

Analizziamo invece nelle sue tre sezioni il Museo Archeologico Nazionale di Capo Collona, dedicate
ad altrettanti temi: la prima è la Terra, testimone dei resti dell’insediamento, in età romana, sorto sul
promontorio; la seconda, che identifica ciò che è Sacro, è rappresentata dal santuario, di età greca,
sviluppatosi proprio in quello stesso posto, e la terza, il Mare, è destinata ad evidenziare l’archeologia
subacquea.
Nel Museo viene esposta una parte del carico di marmi trasportati e naufragati (nel III sec. D.C.) presso
Punta Scifo, oltre ad oggetti vari rinvenuti durante lo scavo del relitto ed altri prelevati da contesti
sottomarini. Terrecotte architettoniche, vasi a figure nere e vasetti miniaturistici, frammenti in marmo
appartenenti alla decorazione del tempio di ordine dorico all’interno dell’attiguo Parco Archeologico,
sono, anche a detta del suo direttore, le collezioni più importanti.




I musei della Calabria rappresentano un immenso tesoro artistico e culturale della regione e possono
contribuire a far crescere l’intero comparto turistico di questa terra che già nel corso degli ultimi anni ha
dimostrato di sapere investire nel turismo: alcuni villaggi in Calabria come il Minerva Resort ormai da anni fanno il tutto esaurito e sono migliorati i servizi sul territorio anche se c’è ancora molto da farre.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.