Il 25 novembre a Roma la presentazione de “La scomparsa della sinistra in Europa” di Aldo Barba e Massimo Pivetti





Totale liberalizzazione della circolazione internazionale dei capitali, delle merci, della manodopera; mercato del lavoro deregolamentato; banca centrale indipendente dai governi; detassazione dei redditi da capitale e fine della progressività del sistema impositivo; pareggio del bilancio; ridimensionamento della spesa pubblica; privatizzazione delle industrie di Stato e dei servizi sociali: il successo del liberismo non avrebbe potuto essere più completo.

Il libro riconduce le proporzioni di questo successo in Europa e i suoi esiti economici e sociali – cambiamento delle condizioni distributive, rallentamento del processo di accumulazione, aumento della disoccupazione e dell’esclusione sociale – al fenomeno della scomparsa della sinistra nel continente.

Si mette in luce come oggi l’ostacolo principale alla rinascita di una sinistra capace di ricollocare al centro della sua attenzione le grandi questioni economiche e di classe sia rappresentato dalla generale subalternità, radicatasi nel continente nel corso di oltre un trentennio, nei confronti della cultura economica dominante.

Massimo Pivetti (Roma, 1940) è stato ordinario di economia politica all’Università di Roma La Sapienza, dopo aver insegnato nelle Università di Pavia, Modena e Napoli. È autore di opere di teoria della distribuzione del reddito, economia degli armamenti, economia internazionale, economia e politica monetaria, storia dell’analisi economica.




Aldo Barba (Vico Equense, 1970) è associato di politica economica all’Università di Napoli Federico II. I suoi lavori vertono su questioni di teoria e politica monetaria, politica fiscale, debito pubblico, distribuzione del reddito.

Venerdì 25 novembre – ore 17.00

Facoltà Valdese di Teologia

Via Pietro Cossa, 40 – Roma

ALDO BARBA E MASSIMO PIVETTI
presentano il libro

LA SCOMPARSA DELLA SINISTRA IN EUROPA
Intervengono
CESARE SALVI
STEFANO D’ANDREA
PAOLO DI REMIGIO
Modera
STEFANO ROSATI



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.