Lauree triennali e magistrali: quali sono quelle più scelte dai giovani italiani?


Lauree




Il numero di immatricolati nelle università italiane aumenta costantemente ogni anno, facendo registrare in media un tasso di crescita dell’1%. Questo traguardo viene raggiunto grazie soprattutto al boom dei corsi delle università telematiche che, in particolar modo negli ultimi due anni, hanno conosciuto una vera espansione.

I benefici di iscriversi ad una laurea triennale online sono numerosi, dalla possibilità di frequentare i corsi a distanza, alla flessibilità degli orari, alla personalizzazione del proprio piano di studi fino alla maggiore opportunità di organizzare il tempo da dedicare ai corsi rispetto agli altri impegni di vita. Le università telematiche, di fatto, per numero di iscritti si posizionano tra i primi posti, insieme agli atenei tradizionali più prestigiosi e storici del Paese.

Quali sono però gli indirizzi maggiormente scelti dagli studenti dopo il diploma?

Facoltà scientifiche sul podio

Secondo quanto rilevato dal Miur, le facoltà che vanno per la maggiore tra i giovani sono quelle che fanno capo agli indirizzi scientifici. Nel dettaglio Ingegneria, Medicina, Economia sono tra le più frequentate. La scelta non è casuale, poiché gli studenti hanno colto perfettamente l’eco che arriva dal mondo del lavoro.




Le indagini di Almalaurea, infatti, hanno dimostrato che i laureati in questi indirizzi di studio riescono a trovare lavoro prima e ricoprire ruoli di maggiore prestigio e meglio retribuiti rispetto ad altri ambiti di studio.

Al contrario, infatti, Giurisprudenza e Architettura, negli ultimi anni, stanno vedendo diminuire in maniera esponenziale il numero degli immatricolati.

Per rendere un’idea più dettagliata del numero di iscritti in base ai diversi indirizzi di studio, la banca dati del Ministero dell’Istruzione dimostra come la facoltà di Economia sia la più scelta per la laurea triennale, con ben 46 mila iscritti, seguita da ingegneria industriale e dell’informazione, con 38 mila iscritti, facoltà scientifiche con 34 mila e mediche con 32 mila.

In coda si attestano le facoltà a indirizzo Agrario-Forestale e Veterinario, Psicologico e afferente ai settori dell’Informatica, con meno di 10 mila iscritti annui.

Gli sbocchi lavorativi offerti dalle diverse facoltà

Come già accennato, a influire sulla scelta della facoltà contribuisce senz’altro lo sbocco lavorativo messo a disposizione, in base alle conoscenze e competenze acquisite nei diversi indirizzi di studio.

Sempre secondo quanto rilevato da Miur e Almalaurea, le facoltà di Medicina, Economia, Ingegneria e Scientifiche in generale, a 5 anni dalla laurea, mostrano un tasso di disoccupazione inferiore all’11%. Un dato molto incoraggiante per chi predilige queste specializzazioni, a dispetto invece dei laureati in Giurisprudenza o Lettere che, invece, incontrano maggiori difficoltà nel trovare lavoro. Il tasso di disoccupazione, per queste facoltà, infatti, sale al 24,8% e al 22,5%, stando alle medesime fonti.

Stesso discorso vale anche per la retribuzione media netta, che vede gli ingegneri tra le figure professionali meglio pagate, con uno stipendio medio di circa 1.762 euro al mese, seguito da chi lavora in ambito economico e statistico, con circa 1.580 euro al mese, e da chi lavora in ambito medico sanitario, con 1.503 euro al mese di stipendio medio.

Al contrario, il settore giuridico è al momento quello che riceve salari inferiori, con una media di 1.304 euro mensili.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.