Due chiacchiere con Paolo Bertelli, autore del romanzo Nemesi


Due chiacchiere




Il benvenuto tra le nostre pagine a Paolo Bertelli autore del romanzo Nemesi. Come è nata l’idea di questo romanzo?

È nata in parte grazie alle mie passioni. Per la storia, per la chimica, che è anche il mio lavoro, per il mistero in genere, anche se credo molto nel metodo scientifico e la maggior parte dei misteri hanno una spiegazione. Da tutto questo, è nata l’idea di un fantasy che però volevo si discostasse da quelli classici dove draghi, elfi e mostri fantastici la fanno da padrone.

Credo che un libro debba fare anche riflettere, almeno in parte, il lettore sui problemi attuali di cui tutti siamo a conoscenza. Penso che un racconto riesca a cogliere il segno nel momento in cui chi lo legge, quando va a letto e poggia la testolina sul cuscino, o quando lo chiude per riprenderlo più tardi, riflette su ciò che ha letto e sulle emozioni provate.

È un romanzo tra il fantasy e ambientazione storica. Come sei riuscito ad amalgamare i due generi?

Grazie alla documentazione. Ha ragione chi afferma che un libro e la scrittura sono l’unico reale esempio di magia che esista. Grazie a essi si impara e si riesce a trasmettere agli altri, le proprie emozioni. Mi sono documentato molto per scrivere della Prima guerra mondiale. Tutto doveva essere realmente accaduto, intersecarsi con la trama e riportato correttamente, non fosse altro per il rispetto verso tutte le vittime di quel tempo. Mi sono preso delle libertà su alcuni fatti scientifici che ho anticipato nei tempi (nemmeno molto in realtà), ma su cui anche qui, mi sono documentato per le parti tecniche. Poi tutto il resto si è creato… come per magia.




Che genere ami leggere?

Sono cresciuto con i libri di Stephen King e i gialli di Agatha Christie. Il genere che leggo e che amo di più a oggi sono i thriller. Mi si potrebbe chiedere il motivo per cui ho iniziato con i fantasy quindi… beh, perché quando hai delle idee per la testa e i protagonisti iniziano a materializzarsi tra le righe, prendono in qualche modo a far parte della tua vita e quindi non li puoi abbandonare.

Ho in mente comunque di scrivere anche thriller e già alcune idee.

Un tuo scrittore che potrebbe essere un punto di riferimento:

Il sopracitato Stephen King, direi un genio nel suo genere, con una fantasia e capacità di materializzarla sconfinata. Ma anche maestri del thriller come Jeffery Deaver, Michael Connelly, Dennis Lehane e Jo Nesbo sono per me dei punti di riferimento.

Qualche idea per il prossimo romanzo?

Idee tante. Ho iniziato il seguito di Nemesi, ma ho anche il desiderio di far diventare una one shot, scritta per un concorso, un libro vero e proprio. Poi, sicuramente, mi dedicherò al genere thriller. A meno che non mi venga a mente nel frattempo qualche altra idea di trama alla quale non saprò resistere nello svilupparla subito.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.