Gli IMI di Zeithain





L’ISTORETO Istituto piemontese per la storia della Resistenza dedica un volume al Lazarettlager
dello Stalag IV B di Mühlberg.
È il ricercatore Cristian Pecchenino, attraverso fonti inedite, a ricostruire la storia di una resistenza
per molti anni oscurata, quella degli internati militari italiani deportati nei lager nazisti dopo l’8
settembre 1943, quella che si perpetuò con sofferenza anche a Zeithain,
Nel lager in Sassonia in cui erano morti migliaia di prigionieri sovietici giunsero nell’ottobre 1943
militari italiani feriti e malati catturati dai tedeschi nei vari fronti, accompagnati da personale
medico, a cui si aggiunsero presto migliaia di altri internati militari stremati dal lavoro coatto.
Considerato dai tedeschi un “ospedale militare” furono oltre 800 gli IMI che vi trovarono la morte
per fame e malattie.
E proprio in quel lazzaretto, tristemente noto come “campo di morte”, precisamente nel reparto
malarici, venne internato il cittadino apriliano Ernesto Bonacini, originario di Reggio Emilia. La sua
testimonianza emersa dal suo “diario di guerra e prigionia” è stata riportata nel volume a ricostruire
quei tragici giorni di lotta degli Imi per la sopravvivenza. Ernesto catturato in Grecia seppur
sofferente di malaria fu afflitto nel lager da frequenti recidive e sottoposto a cure sperimentali.
Nonostante le precarie condizioni fisiche venne costretto, come i compagni, ad ore e ore di lavoro
per i tedeschi; per la bella calligrafia lavorò per un periodo nel laboratorio del reparto malarici,
addetto alla trascrizione dati.
A Zeithain venne internato seppure per pochi mesi l’apriliano Domenico Fusco; ad entrambi è stata
conferita la Medaglia d’onore IMI. A differenza di Ernesto che conservò, seppur gelosamente, il
diario fino alla morte, Domenico preferì distruggere i suoi scritti su quanto patito in Germania, un
comportamento comune a molti ex deportati.
Ernesto e Domenico pur avendo vissuto molti anni ad Aprilia non si conobbero mai, eppure nei
ricordi mai svelati le stesse immagini e le stesse sofferenze.
Le parti del diario su Zeithain ed altre documentazioni di Ernesto sulla prigionia sono state messe a
disposizione di ISTORETO dalla figlia Elisa Bonacini che con la sua associazione “Un ricordo per
la pace” dal 2011 sta sviluppando il progetto “Memoria agli IMI”; molte le testimonianze raccolte
degli ultimi internati militari. L’associazione è attiva nella divulgazione della possibilità di
richiedere la Medaglia d’Onore (anche in qualità di erede) assistendo gli aventi diritto nelle pratiche
necessarie.
Tra le iniziative dell’associazione la proposta di intestazione ad Aprilia nonché a Reggio Emilia di
una via/piazza agli Internati Militari Italiani. Tra i progetti a breve termine la pubblicazione della
versione integrale del “diario di guerra e prigionia” di Ernesto Bonacini.
(su “Gli
IMI di Zeithain” da

Home


)






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.