Il 9 e il 10 giugno la presentazione di “Io sono l’imperatore” il nuovo romanzo di Stefano Conti





 

A metà tra storia e archeologia, è un incontro a carattere divulgativo: riguarda Giuliano l’Apostata, imperatore romano, filosofo e scrittore.

Si forniranno informazioni sulla vita, le opere letterarie e le concezioni filosofiche di questa affascinante e poco nota figura; il tutto corredato da immagini che spazieranno dall’archeologia classica ai mosaici bizantini, dagli affreschi medievali ai dipinti rinascimentali.

Si tratterà poi un mistero ancora irrisolto: nonostante varie ricerche archeologiche, a tutt’oggi il cadavere di Giuliano, corredato di preziosi gioielli, risulta scomparso. Per risolvere l’enigma ci si avvarrà del mio romanzo Io sono l’imperatore: ed. Affinità Elettive, Ancona aprile 20172 (I ed. gennaio 2017).




È un giallo archeologico, dove storia, ironia e mistero sono mescolati per creare una vicenda da leggere tutta d’un fiato.

La trama parte da un professore universitario che annuncia di aver rinvenuto durante i suoi scavi ciò che molti hanno cercato invano: la tomba dell’imperatore filosofo. Ma il sepolcro è vuoto e l’archeologo viene trovato morto subito dopo la clamorosa scoperta. L’eminente professore è stato ucciso? Chi ha trafugato i resti mortali di Giuliano? Dov’è finito il tesoro sepolto con lui? Il giallo si infittisce quando una setta pagana, realmente esistente, farà di tutto per ostacolare il protagonista intenzionato a proseguire le ricerche del professore.

Seguendo il protagonista, si ripercorreranno gli spostamenti nei secoli del corpo dell’ultimo imperatore pagano della storia. Si mostreranno le città e i siti archeologici dove si ipotizza siano stati portati le spoglie e il tesoro dell’Apostata: l’Asia minore di epoca romana, Istanbul sotto gli imperatori bizantini, Venezia al tempo della Serenissima, la Firenze di Lorenzo il Magnifico. Un appassionante viaggio nello spazio e nel tempo (dai romani ai crociati fino ai Medici).

“Tra segreti e scoperte, un giallo dal ritmo incalzante e dalla prosa nitida,

dove nulla è come sembra”

Corriere Adriatico

“Finalmente un giallo archeologico italiano

che nulla ha da invidiare ai best seller americani”

Stefano Conti: storico e scrittore; ex professore di Storia Romana ed Epigrafia Latina all’Università di Siena.

Nato ad Ancona nel 1970, laureato in Lettere Classiche, dottore di ricerca in Storia e Filosofia antica all’Università di Jena (Germania). È stato vincitore di un progetto di ricerca del CNR e assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi Classici della Facoltà di Lettere di Siena.

È stato docente di Didattica del Latino alla Scuola di Specializzazione per l’insegnamento e ha tenuto corsi di Epigrafia romana al Master in Conservazione e Gestione dei beni archeologici e storico-artistici.

Ha scritto numerosi articoli scientifici su riviste internazionali accademiche: L’uso strumentale dei sismi nelle fonti pagane e cristiane: un esempio di IV sec. d.C. (“Ziva Antika” 2004); Lateinische Termini für Erdbeben in literarischen und epigraphischen Quellen der römischen Zeit (“Historical Social Research” 2007);  Da eroe a dio: la concezione teocratica del potere in Giuliano (“Antiquité tardive” 2009); ecc. Ha partecipato con suoi contributi a vari convegni internazionali, tra cui il XII Congresso Mondiale di Epigrafia Greca e Romana di Barcellona (Spagna) e il XV Convegno Internazionale di Studi sull’Africa Romana  di Tozeur (Tunisia).

Ha scritto volumi su importanti tematiche di storia romana:

Tra religione e politica nel mondo classico (2007); Geografia e viaggi nell’antichità (2007); Stranieri a Roma (2009).

Si è occupato a lungo dell’imperatore Giuliano, su cui ha pubblicato vari studi e due libri:

Die Inschriften Kaiser Julians (2004); Giuliano l’Apostata: un imperatore romano nella letteratura tedesca del Medioevo (2005).



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.