L’installazione di Aljoscha arriva a Roma: la Sala Santa Rita ospita A notion of cosmic teleology dal 5 al 13 marzo





 

Sabato 4 marzo alle ore 18 si inaugura alla Sala Santa Rita l’installazione site-specific dell’artista ucraino Aljoscha: opere sospese realizzate con vernici acriliche, strutture iper-leggere che occupano lo spazio aereo dell’ex chiesa barocca entrando in dialogo con il genius loci e con l’architettura del luogo espositivo.

Le opere nascono manipolando con il calore la vernice acrilica trasparente, intarsi di filamenti di pittura, plastica o carta: dall’iniziale stato liquido la pittura muta fino a divenire tridimensionale.

Come i ricombinati genetici, ogni opera è un unicum per la sua struttura e composizione materica, ed equivale a un reale esperimento e studio della materia: non esiste un building plan prestabilito, al contrario l’installazione dà l’impressione di essere un sistema aperto capace di svilupparsi ancora.




L’artista crea nuove forme di vita, veri e propri esseri viventi in mutamento, proponendo una nuova estetica ispirata all’ingegneria bio-tecnologica e genetica, presentando la dinamicità e complessità dei futuri organismi viventi: un mondo altro, utopico e futurista allo stesso tempo.

A notion of cosmic teleology è la prima mostra di Aljoscha a Roma e la seconda in Italia. È organizzata e curata da Sala 1 in collaborazione con la storica dell’arte Natalia Gershevskaya.

La mostra è promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale – Dipartimento Attività Culturali – Direzione Organismi Partecipati e Spazi Culturali in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Aljoscha (Glukhov, Ucraina, 1974) ha frequentato a Salisburgo l’International Summer Academy of Fine Arts, dopo aver collaborato come assistente con il prof. Konrad Klapheck all’Art Academy Dusseldorf. Nel 2010 è stato impegnato nel progetto dell’installazione pubblica bioism uprooting populus nella città di Dusseldorf con Karin Abt-Straubinger Stiftung.

Le sue opere sono in mostra presso collezioni private e musei, tra cui Erarta Museum of  Contemporary Art (San Pietroburgo), Kupferstichkabinett (Berlino) e State Museum of Contemporary Art in Thessaloniki.

Ha ricevuto diversi riconoscimenti internazionali tra cui il primo premio nella categoria scultura al XXXV Premio Bancaja (Valencia, 2009) e l’Art Prize a Schlosspark 2009 (Colonia, 2009). Ha ottenuto borse presso Hybridartprojects in El Zonte (El Salvador, 2010-2011), Kunstgarten Graz (Austria, 2011), The University’s Museum of Contemporary Art (Mexico City) a Venezia (2011), Hybridartprojects (Mandrem, India, 2012).



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.