La scienza della solitudine e del gelo nella poesia di Luciano Cecchinel





 

Rolando Damiani nella postfazione al libro di poesie di Luciano Cecchinel Da un tempo di profumi  e gelo (LietoColle – Collana “Gialla Oro, 2016) sottolinea come il tempo trascorso abbia insegnato al poeta “ una scienza della solitudine e del gelo”.

I miracoli, però, Cecchinel li fa quando con  la metafora illumina il suo paesaggio esistenziale dando forza, intensità, magia ad una parola che sa essere accorta e “reale” anche nella sua evanescenza:

 “Precisa tessitura di ciliegi, / di nubi e nevi silenzio sontuoso,/ timore di sfiorare, dell’impronta,/ di cadere, di segnare/ il soffice, il puro.// Sogno allacciato, /sole lacerato dalle fronde,/ voler svanire in scie di polvere/ fluttuante luminosa nel sussurro/ denso di una stagione attesa.// Assoluto,/ dolce cantilena da lontano,/ come di lieve novena/ in ricchezze/ sfolgoranti di campane./ Dissoluto,/ vortice che piano/ si sforma, si stinge/ e si allontana,/ nebbia di colore.” (Assoluto/ dissoluto)




Ma ci sono ancora piacevoli sorprese in questo libro da scoprire camminando “fra dolcissimi/ profumi di frassino e acacia”, immaginando di guardare, da lettore, la magia di un paesaggio capace di custodire anime.

LietoColle

http://www.lietocolle.com/shop/collane/collana-gialla/cecchinel-luciano-da-un-tempo-di-profumi/

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.